SPORT

Warren Gatland apporta sette modifiche allo scontro delle Sei Nazioni del Galles contro l’Inghilterra

Warren Gatland ha apportato sette modifiche alla nomina del Galles per le Sei Nazioni con l’Inghilterra dopo una prestazione nel primo tempo contro la Scozia che, ha ammesso, era “lontana dagli standard che ci aspettiamo”.

L’allenatore del Galles Gatland ha nominato la squadra 24 ore prima del previsto, con la sua formazione che includeva una nuova prima fila e il ritorno di George North dall’infortunio.

Sarà la 50esima presenza di North nel Sei Nazioni, mentre il centrocampista Sam Costelow, infortunatosi durante il primo tempo della sconfitta del Galles per 27-26 contro la Scozia lo scorso fine settimana, sarà sostituito da Ioan Lloyd, con Tomos Williams nel mediano di mischia.

Gareth Thomas, Elliot Dee e Keiron Assiratti formano la prima fila sabato a Twickenham, mentre il flanker del Cardiff Alex Mann parte titolare per il Galles per la prima volta dopo la sua apparizione come portiere dalla panchina contro la Scozia.

Il Galles ha ceduto 27 punti alla Scozia prima di mettere in scena una straordinaria rimonta nel secondo tempo, segnando 26 punti senza risposta, anche se non sono stati in grado di mascherare quanto fossero deboli prima.

Gatland ha dichiarato: “Questa settimana siamo stati critici e duri con noi stessi.

“Quel primo tempo non era affatto vicino agli standard che ci aspettiamo. Semplicemente non possiamo iniziare allo stesso modo questo sabato.

“Nel secondo tempo contro la Scozia abbiamo dimostrato di cosa siamo capaci. Adesso si tratta di sviluppare quella performance e suonare con un po’ di ritmo fin dall’inizio.

“Abbiamo apportato alcune modifiche alla formazione titolare questo fine settimana, che dà opportunità ai giocatori in arrivo. Dobbiamo essere precisi e mantenere la disciplina.

“Questa è una partita enorme, non solo per la storia e per ciò che significa per tutti in Galles, ma è un’opportunità per rimettere le cose un po’ più sulla buona strada.

“L’Inghilterra è nella fase di ricostruzione. Andremo lì con molta fiducia che potremo costruire nel secondo tempo”.

Archie Griffin, pilone di Uncapped Bath, è stato nominato in panchina, affiancato da Will Rowlands del Racing 92 lock.

Rowlands si è unito alla squadra del Galles all’inizio di questa settimana dopo che la sua compagna ha recentemente partorito, anche se ci sono possibilità anche tra i sostituti della coppia dei Dragons Taine Basham e Cai Evans, figlio dell’ex capitano del Galles, Ieuan Evans.

North si è ripreso da un problema alla spalla per affrontare l’Inghilterra, con Lloyd che ora parte titolare dopo un ottimo contributo dopo aver sostituito Costelow contro la Scozia.

La promozione di Mann in prima squadra era prevista in seguito al ritiro di James Botham dalla squadra a causa di un infortunio al ginocchio.

Nel frattempo Williams, Dee e Assiratti hanno dato un contributo importante dopo essere stati introdotti per i secondi 40 minuti sabato scorso.

Il Galles non batte l’Inghilterra a Twickenham nel Sei Nazioni dal 2012, quando l’ultima meta del centro Scott Williams confermò il trionfo della Triple Crown.

Dopo aver sconfitto l’Inghilterra fuori casa durante la Coppa del Mondo 2015, il Galles ha perso contro i suoi agguerriti rivali sette volte di seguito nella casa del rugby inglese.