SPORT

Un gruppo di tifosi del Liverpool condivide la preoccupazione di Jurgen Klopp per l’atmosfera di Anfield

Il gruppo di tifosi del Liverpool Spirit of Shankly “non discute” delle critiche di Jurgen Klopp all’atmosfera di Anfield, ma ha espresso preoccupazione per l’effetto che i prezzi dei biglietti hanno avuto sulla cultura dei tifosi di calcio.

L’allenatore dei Reds Klopp non è rimasto impressionato dal pubblico di casa durante la demolizione infrasettimanale dei quarti di finale della Carabao Cup del West Ham e ha detto ai fan di donare i loro biglietti se non sono disposti a sostenere la squadra contro i rivali del titolo di Premier League dell’Arsenal sabato.

Il gruppo Spirit of Shankly, fondato nel 2008, ha ammesso che l’ambiente è una preoccupazione tra i tifosi ed è in trattative con il club su come risolvere la situazione.

“Non discutiamo con Jurgen Klopp che sottolinea i problemi che circondano l’atmosfera di Anfield, o la sua mancanza, a volte”, si legge in una dichiarazione del gruppo.

“È qualcosa di cui i nostri tifosi discutono regolarmente, è fondamentale per l’identità del club e di Anfield, e qualcosa che i più appassionati tra noi vogliono proteggere.

“Non è un caso che squadre avversarie, allenatori e tifosi parlino di ‘effetto Anfield’. Sappiamo tutti quanto il pubblico possa intimidire le squadre ospiti, come l’atmosfera non sia seconda a nessuno: chiedi al Barcellona, ​​al (Borussia) Dortmund o al (Manchester) City o all’Arsenal la scorsa stagione.

“Tuttavia, nutriamo preoccupazioni per la mancanza di opportunità per i giovani tifosi di andare alla partita, contrarre il virus e preservare questa cultura decennale del Kop, e preoccupazioni profondamente radicate che la nostra cultura venga diluita da maggiori omaggi aziendali. e prezzi dei biglietti fuori portata, come fanno eco i tifosi di tutta la Premier League.

“Siamo in costante dialogo con il club per esplorare modi per migliorare la situazione, far vivere ad Anfield più giovani e creare il miglior ambiente possibile. Ogni gioco.”