SPORT

Sydney-Hobart Yacht Race: la flotta parte sotto un cielo buio dopo che una forte tempesta minaccia di iniziare | Sydney-Hobart Yacht Race

La 78a edizione della regata da Sydney a Hobart è iniziata sotto un cielo buio che minacciava di peggiorare con l’avvicinarsi dell’orario di inizio previsto.

Temporali, forti piogge e forti venti hanno coperto il porto di Sydney un’ora prima dell’inizio delle 13:00 AEDT, ma si sono attenuati mentre la flotta di 103 navi ha lottato per la posizione.

LawConnect ha cronometrato la sua regata in modo ottimale per condurre presto, con SHK Scallywag successivo sulla linea di partenza mentre la flotta iniziava il suo viaggio verso le teste.

Il vincitore del 2022 Andoo Comanche è passato al secondo posto mentre i quattro supermaxi hanno girato la prima boa, ma ha subito sollevato una protesta contro Scallywag dopo che le barche si sono trovate a pochi metri da una collisione.

Scallywag ha successivamente completato una penalità di 720 gradi al largo della costa di Bondi Beach nel tentativo di evitare una possibile sanzione temporale.

La folla si accalcava nei migliori punti panoramici lungo la costa fino al faro di South Head, anche se con le previsioni di pioggia il numero di spettatori era inferiore rispetto agli anni precedenti.

I concorrenti della regata da Sydney a Hobart di quest’anno sono stati avvisati di prepararsi a condizioni avverse poiché sono previste tempeste e forti venti per la più grande regata nautica d’Australia.

Il Bureau of Meteorology ha previsto condizioni avverse tra cui forti piogge, fulmini, scarsa visibilità e potenzialmente grandine.

Nei primi due giorni di gara sono previsti cambiamenti improvvisi e irregolari del vento, grandine, pioggia e visibilità ridotta, ha affermato l’agenzia.

Venti da est forti fino a 35 nodi sono previsti per la costa lontana del NSW la sera di Santo Stefano e potrebbero colpire le barche più grandi della flotta.

“Quello che stiamo vedendo oggi è la depressione che si sta formando nel NSW orientale”, ha detto la meteorologa Gabrielle Woodhouse.

“Esiste la possibilità che si formino forti tempeste sulla terra e ciò significa anche che potremmo vedere queste condizioni sull’acqua”.

Iain Murray, il maestro di vela di Andoo Comanche, che ha vinto il line honours lo scorso anno, aveva previsto che le condizioni ventose avrebbero posto sfide uniche per i quattro supermaxi da 100 piedi che si scontravano per raggiungere per primi Hobart.

“Non ci piacciono le tempeste”, ha detto Murray. “Ci siamo bagnati, ma il vento è anche molto instabile.

“Questi grandi 100 piedi hanno vele grandi e vele piccole e cambiarle è un bel processo, quindi devi essere ben in anticipo e pianificarlo.

“Non è come una piccola barca dove basta “sbattere” e cambiare le vele. È una missione di mezz’ora preparare la barca per qualunque cosa le lancerai. Queste condizioni volatili sono davvero un test per le grandi barche”.

Andoo Comanche all'inizio della regata da Sydney a Hobart
Andoo Comanche all’inizio della Sydney to Hobart Yacht Race il giorno di Santo Stefano 2023 Fotografia: Dan Himbrechts/EPA

Woodhouse ha affermato che poiché il sistema di bassa pressione che causa il maltempo si sposta al largo da mercoledì, i piloti possono aspettarsi una gara più “prevedibile”.

“Vedremo questi venti orientali attraverso parti dello Stretto di Bass verso la Tasmania. Dopodiché, le cose sembrano più prevedibili, con venti da sud-ovest intorno alla Tasmania e allo Stretto nella seconda metà della settimana”.

Si prevede che le tempeste caratterizzeranno le prime fasi della regata lungo la costa del NSW e attraverso lo Stretto di Bass, con le barche più veloci che probabilmente vedranno meno tempesta rispetto al resto del gruppo.

“Dipende davvero dalla velocità con cui alcune barche riescono ad arrivare in Tasmania: prima arrivano, più è probabile che vedano meno rischi associati alle tempeste”, ha detto Woodhouse.

Si prevede che le tempeste saranno “intense”, ha detto Woodhouse.

“Stiamo vedendo venti davvero rafficati e irregolari. Ciò potrebbe significare che la direzione e la velocità del vento cambieranno rapidamente e aumenteranno notevolmente. Pertanto, può essere molto pericoloso nell’acqua.

“Abbinato al rischio di fulmini, forti piogge e una potenziale tempesta di grandine, è davvero parecchio.”

Più di 100 barche si sfideranno nella 78esima edizione della regata Sydney-Hobart, organizzata dal Cruising Yacht Club of Australia.

Il record più veloce per il viaggio di circa 1.170 km è stato stabilito dall’LDV Comanche, che ha concluso la gara in un giorno, nove ore, 15 minuti e 24 secondi.

L’anno scorso, lo yacht vincitore, Andoo Comanche, ha tagliato il traguardo in un giorno, 11 ore, 56 minuti e 48 secondi.