Världsnyheter

Stati Uniti e Messico concordano di affrontare la migrazione record mentre migliaia di persone si dirigono verso il confine – Nazionale

Come gli Stati Uniti e Messico giovedì si sono impegnati a lavorare insieme più strettamente per combattere il record migrazione al confine condiviso, migliaia di migranti e richiedenti asilo hanno continuato a dirigersi verso il valico, sottolineando l’urgenza del problema.

I paesi hanno affermato in una dichiarazione congiunta che cercheranno di rafforzare un’iniziativa di sponsorizzazione per i migranti venezuelani, cubani, nicaraguensi e haitiani e di affrontare le cause profonde della migrazione, il giorno dopo che una delegazione statunitense guidata dal Segretario di Stato Antony Blinken ha incontrato il messicano. Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador e il suo governo a Città del Messico. Ulteriori colloqui sono previsti a Washington il mese prossimo.

I colloqui sono avvenuti dopo che gli Stati Uniti hanno temporaneamente chiuso due valichi vitali in Texas per ridistribuire le forze dell’ordine in un contesto di aumento dei valichi di migranti illegali. Un passaggio non ferroviario è rimasto chiuso a Lukeville, in Arizona, e le operazioni di frontiera sono state parzialmente sospese a San Diego e Nogales, in Arizona.

La storia continua sotto la pubblicità

Le chiusure hanno innescato un rallentamento del commercio che ha colpito le industrie messicane, oltre a critiche nei confronti delle politiche di confine dell’amministrazione Biden.


Fare clic per riprodurre il video:


El Paso, Texas, è al “punto di rottura” mentre i richiedenti asilo attraversano il confine, dice il sindaco


Giovedì scorso, il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha dichiarato che le due parti hanno concordato di mantenere aperti i valichi di frontiera dopo le chiusure temporanee.

“Questo accordo è stato raggiunto, si stanno già aprendo i passaggi a livello e i ponti di frontiera per normalizzare la situazione”, ha detto López Obrador in una conferenza stampa mattutina.

Lopez Obrador ha detto che gli incontri di mercoledì con la delegazione statunitense sono stati “diretti”.

Mentre parlava Lopez Obrador, un folto gruppo di migranti e richiedenti asilo, molti dei quali con bambini piccoli, stava attraversando il Messico verso il confine meridionale degli Stati Uniti. Alcuni membri del gruppo hanno mostrato uno striscione con la scritta “Esodo dalla povertà”.

Lo scorso fine settimana, i membri della Guardia Nazionale messicana non hanno tentato di impedire alla cosiddetta carovana di circa 6.000 persone, la maggior parte provenienti dall’America Centrale e dal Venezuela, di attraversare il punto di passaggio principale dell’ispezione sull’immigrazione in Messico, nello stato meridionale del Chiapas. , vicino al confine con il Guatemala.

La storia continua sotto la pubblicità

Lopez Obrador ha detto giovedì che il gruppo si è ridotto a circa 1.600 persone.

Un convoglio di soldati della Guardia Nazionale sorpassa i migranti che camminano verso nord sul lato dell’autostrada a Villa Comaltitlan, nello stato messicano meridionale del Chiapas, mercoledì 27 dicembre 2023. (AP Photo/Edgar H. Clemente).

Migranti camminano lungo un’autostrada a Huixtla, Messico, lunedì 25 dicembre 2023. Una carovana di migranti si è diretta a nord e a sud verso il Messico pochi giorni prima che il segretario di stato americano Antony Blinken arrivasse in Messico per discutere nuovi accordi volti a controllare l’aumento della popolazione flussi. migranti che cercano di entrare negli Stati Uniti. (AP Photo/Edgar H. Clemente).

I migranti partono da Tapachula, in Messico, domenica 24 dicembre 2023. La carovana ha iniziato il suo viaggio verso nord attraverso il Messico pochi giorni prima che il segretario di Stato americano Antony Blinken arrivasse a Città del Messico per discutere nuovi accordi volti a controllare l’afflusso di migranti che cercano di entrare Paese. STATI UNITI. (AP Photo/Edgar Hernández Clemente).

Secondo le Nazioni Unite, migranti e richiedenti asilo transitano attraverso il Messico verso gli Stati Uniti per sfuggire alla violenza, alle difficoltà economiche e agli impatti negativi del cambiamento climatico. Sebbene la maggior parte provenga da paesi dell’America centrale e latino-americana, negli ultimi mesi sono arrivate al confine tra Stati Uniti e Messico anche persone provenienti dalla Cina e da diversi paesi africani.

La storia continua sotto la pubblicità

Il numero di persone che attraversano il pericoloso Darien Gap, a cavallo tra Colombia e America Centrale, ha superato il mezzo milione quest’anno, il doppio del record dell’anno scorso.

Ricevi le ultime notizie nazionali.

Inviato al tuo indirizzo email, ogni giorno.

In passato, il Messico ha lasciato passare queste carovane di migranti, sperando che si stancassero di camminare lungo l’autostrada. Ma questa strategia non sembra più funzionare.

Questo mese, fino a 10.000 migranti sono stati fermati ogni giorno al confine sudoccidentale degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno avuto difficoltà a trattarli alla frontiera e ad accoglierli una volta raggiunti le città del nord.

I repubblicani stanno attualmente conducendo una campagna per limiti rigorosi alle richieste di asilo e altre misure per arginare i valichi di frontiera e bloccare nuovi finanziamenti militari per l’Ucraina come leva per le proposte.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiesto al Congresso di approvare quasi 110 miliardi di dollari in finanziamenti per la sicurezza nazionale, compresi gli aiuti all’Ucraina, a Israele, alla regione dell’Indo-Pacifico e alla sicurezza dei confini degli Stati Uniti. Ma i repubblicani insistono sul fatto che qualsiasi nuovo aiuto estero dovrebbe essere legato a cambiamenti nella politica di immigrazione, sostenendo che la sicurezza nazionale inizia dal confine interno.

Gli esperti di politica dell’immigrazione hanno dichiarato a Global News che è di vitale importanza affrontare le cause profonde della migrazione, cosa che gli Stati Uniti e il Messico hanno concordato di fare questa settimana.

“Si tratta di individui disperati, la stragrande maggioranza dei quali fugge dalla violenza”, ha detto Bill Hing, professore di diritto dell’immigrazione all’Università di San Francisco e fondatore dell’Immigration and Legal Resource Center, in una precedente intervista sui migranti in cerca di migranti. . ingresso negli Stati Uniti

La storia continua sotto la pubblicità

“Non vengono qui per un’avventura.”

Un migrante spinge e trascina gli effetti personali della sua famiglia mentre cammina verso nord con una carovana di migranti sul lato dell’autostrada a Villa Comaltitlan, nello stato meridionale del Chiapas, nel Messico, mercoledì 27 dicembre 2023. (AP Photo/Edgar H. Clemente).

Campo di migranti ad Alvaro Obregon, Messico, domenica 24 dicembre 2023. Una carovana di migranti ha iniziato il suo viaggio verso nord da Tapachula domenica, pochi giorni prima che il segretario di Stato americano Antony Blinken arrivasse a Città del Messico per discutere nuovi accordi volti a controllare l’ondata. migranti che cercano di entrare negli Stati Uniti. (AP Photo/Edgard H. Clemente).

Un migrante si riposa dopo aver camminato verso nord con una carovana di migranti su un’autostrada a Villa Comaltitlan, nello stato meridionale del Chiapas, in Messico, mercoledì 27 dicembre 2023. (AP Photo/Edgar H. Clemente).

Lopez Obrador ha detto giovedì che è pronto ad aiutare, ma vuole che gli Stati Uniti inviino più aiuti allo sviluppo ai paesi di origine dei migranti, riducano o eliminino le sanzioni contro Cuba e Venezuela e inizino un dialogo tra gli Stati Uniti e Cuba.

La storia continua sotto la pubblicità

La dichiarazione congiunta degli Stati Uniti e del Messico non include alcuna misura specifica che i due paesi intraprenderanno per affrontare le cause profonde dell’immigrazione.

Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sul Messico affinché faccia di più per combattere il traffico di fentanil, mentre il Messico ha spinto per controlli più severi per impedire che le armi da fuoco statunitensi raggiungano i potenti cartelli.

Lopez Obrador ha affermato che la questione del fentanil, un oppioide potente e mortale che i cartelli messicani stanno contrabbandando negli Stati Uniti, è stata “appena discussa” durante la riunione di mercoledì. La dichiarazione congiunta non faceva menzione del fentanil o di altro traffico di droga.

—Con file dell’Associated Press e della Reuters

&copia 2023 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.