SPORT

Sean Dyche mostra la sua vecchia debolezza mentre l’Everton sconfigge il proprio gioco

Anche una vittoria nei minuti di recupero non è stata l’evento più drammatico nel calcio del Merseyside negli ultimi giorni, ma c’è un senso di tristezza condivisa. Mentre il Liverpool piange la prevista partenza di Jurgen Klopp, la delusione dell’Everton deriva da diverse ragioni. Dopo essere stati espulsi dalla FA Cup, i tifosi del Luton Town hanno urlato di andare a Wembley; Dopo la finale degli spareggi della scorsa stagione, hanno un bel ricordo dello stadio nazionale.

Tuttavia, se l’Everton ha affermato di meritare una punizione quando gli Hatters sono passati in vantaggio e ha potuto sottolineare che la decisione di Cauley Woodrow è arrivata 14 secondi dopo il 96esimo minuto – ne sono stati concessi solo cinque – nessuna delle lamentele ha molto peso. Il Luton aveva più coesione e occasioni, più dinamismo e determinazione. Forse avevano anche più riserve, con due sostituti, Luke Berry e Woodrow, che hanno giocato un ruolo chiave nella decisione.

Se le squadre di Sean Dyche tendono ad essere specializzate nei calci piazzati, sono state battute nel loro stesso gioco. Entrambi i gol del Luton sono arrivati ​​da calcio d’angolo, così come hanno prosperato su calci piazzati quando hanno ottenuto la loro prima vittoria in Premier League a Goodison a settembre.

L’Everton può sperare che, perdendo le battaglie, vincerà la guerra. Queste squadre sono coinvolte in una battaglia più ampia per il 17° posto nella classifica finale. Il record di Dyche offre ottimismo ma ha reso questa occasione tristemente prevedibile. Lo svantaggio di nominarlo è che potrebbe sovraperformare in campionato e sottoperformare nelle competizioni a eliminazione diretta. Ha giocato una semifinale di FA Cup ma non ne è mai riuscita. Quest’ultima battuta d’arresto si è aggiunta a una lunga lista di partenze insignificanti nel corso della sua carriera da allenatore.

Estende anche l’attesa dell’Everton per i titoli a tre decenni. Joe Royle, l’ultimo allenatore vincente dell’Everton, stava guardando e l’Everton avrebbe presto iniziato a pianificare i festeggiamenti per il 30° anniversario del trionfo del 1995.

Inizialmente, l’Everton ha cercato conforto nella sua storia. Tutte e tre le volte che hanno battuto il Luton in FA Cup, hanno raggiunto la finale. Hanno fatto poco per assicurarsi la quarta vittoria e proprio quando sembrava che queste due squadre stessero assaporando i replay della FA Cup mentre ancora potevano – ciascuna era attratta da un secondo pareggio nel terzo turno e una rapida riunione faceva cenno nel quarto – Luton ne ha evitato uno .

Il corner di Berry è stato accolto da Carlton Morris e mentre il suo colpo di testa è stato deviato da Arnaut Danjuma, Woodrow ha segnato il suo secondo gol stagionale da pochi metri.

Cauley Woodrow colpisce il vincitore in ritardo da distanza ravvicinata

(Immagini dell’azione/Reuters)

Il metodo di distruzione dell’Everton sembrava familiare. Il Luton era in vantaggio al 39′ quando il corner di Alfie Doughty è stato battuto da Vitalii Mykolenko. Sembrava tipico di un gioco dal brutto finale che la scoperta avvenisse involontariamente. Per l’Everton, l’irritazione è stata una frecciata a Dominic Calvert-Lewin da parte dell’ex giocatore Ross Barkley: dopo il ridicolo cartellino rosso dell’attaccante contro il Crystal Palace, la loro sfortunata FA Cup è continuata, anche se era più difficile sostenere che si trattasse di una grave ingiustizia. Il contributo di Barkley è stato accompagnato da fischi, mentre Andros Townsend, una partenza più recente, è stato applaudito al suo ritorno a Goodison.

Barkley ha avuto una prestazione decente, ma la maggior parte della minaccia di Luton è arrivata dall’eccellente consegna di Doughty. Morris ha risposto a un calcio d’angolo nel secondo tempo con un forte colpo di testa che ha portato a una grande parata di João Virgínia. Il sostituto di Jordan Pickford ha effettuato una fantastica seconda parata deviando a lato il tiro di Elijah Adebayo che ha eluso la difesa dell’Everton.

Morris ha un gol Goodison al suo attivo in questa stagione: se non fosse stato per un passaggio sulla linea di porta di Nathan Patterson, avrebbe potuto ottenere il suo secondo, dopo la corsa labirintica di Townsend. Lui e Barkley hanno aperto la strada prima della fine, ma gli ex-alunni dell’Everton hanno finito per festeggiare.

Il suo vecchio club no. Nella competizione più tradizionale, Dyche ha giocato con il vecchio 4-4-2. Calvert-Lewin e Beto, acquisto estivo, hanno iniziato insieme per la prima volta e si sono combinati, solo per il dissoluto portoghese che ha deviato il piede a lato dopo che la palla gli è caduta a sei yard di distanza.

Everton e Vitaliy Mykolenko rimpiangono un’altra uscita dalla FA Cup

(PALA)

Sfortunato in precedenza, Beto ha regalato un momento di classe 10 minuti dopo l’intervallo con un passaggio trasversale a Jack Harrison. Il suo pareggio è stato ben preso, ma ha comunque richiesto qualche istante di assistenza da parte di Luton: prima Amari’i Bell è scivolato per lasciarlo tirare, poi Tim Krul ha armeggiato per far passare il suo tiro oltre la linea.

Ha minacciato un rinvio per l’Everton, una seconda possibilità. Anche quello gli è stato portato via. Non per la prima volta, l’Everton ha perso l’infortunato Abdoulaye Doucoure. Calvert-Lewin ha dato a Beto alcune possibilità, ma la sua siccità di autogol è continuata per la 15a partita. Dyche ha sostenuto, con logica perversa, che più si va avanti, più si avvicina a farla finita, ma non era quel giorno e la FA Cup non gli darà più possibilità in questa stagione.

In una competizione già priva di alcuni dei suoi colleghi della Premier League, questa potrebbe essere l’ennesima occasione persa per l’Everton. Hanno preoccupazioni più grandi, ma il momento clou della settimana è arrivato grazie all’annuncio di Klopp piuttosto che alla sua prestazione.