FILM

Robert Downey Jr., Lily Gladstone tra i celebrati – The Hollywood Reporter

È stato un fine settimana costellato di stelle a Santa Barbara, con una dozzina di celebrità – tra cui diversi candidati all’Oscar – diretti sulla Riviera americana per gli eventi del 39° Festival internazionale del cinema di Santa Barbara.

Venerdì sera, all’interno dell’Arlington Theatre da 2.000 posti, tutto esaurito, il festival ha celebrato Robert Downey Junior. con il Maltin Modern Master Award, dal nome del critico/storico cinematografico Leonardo Maltino. Maltin ha moderato una rapida chiacchierata retrospettiva sulla carriera con il Oppenheimer Candidato all’Oscar come miglior attore non protagonista, che ha affascinato il pubblico con il suo umorismo autoironico e le imitazioni di tutti, da Richard Attenborough al suo defunto padre Robert Downey Sr.davanti alla co-protagonista di Downey Cilian Murphy consegnandogli il premio stesso.

Durante l’intervista, il 58enne premiato ha riflettuto sul fatto di essere cresciuto come figlio di un regista indipendente che lo ha scelto per un film degli anni ’70 Libbre, quando aveva appena cinque anni. “Immagino che sia quello che dovevo fare”, ha detto il giovane Downey della recitazione, impassibile, “Non avevo davvero il coraggio di fare il cameriere, mi è stato detto, quindi ho dovuto dedicarmi al teatro”.

Downey era una stella in rapida ascesa del cinema americano negli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90. Litigò con Maltin nel 1985 Scienza strana1987 Meno di zero (“Uno spettro del Natale futuro”), 1989 Le possibilità sono È Vero credentee 1992 Chaplin (per il quale ha ricevuto la sua prima nomination all’Oscar, sottolineando che il regista Attenborough “mi ha cambiato la vita”). L’attore Rob Loweun compagno di scuola e rubacuori degli anni ’80 che è ancora un amico, ha fatto un’apparizione a sorpresa nel bel mezzo dell’intervista per elogiare il lavoro del suo amico di quell’epoca.

Notoriamente, Downey, a metà degli anni ’90, iniziò una grande battaglia contro la dipendenza. Ma è riemerso a metà degli anni 2000, pulito e talentuoso come sempre, in film come 2005. Bacio Bacio Bang Bang (in cui ha conosciuto la sua futura moglie, Susan Downey), 2007 Zodiaco e 2008 Tuono tropicale (per il quale ha ricevuto la sua seconda nomination all’Oscar), prima di diventare una celebrità nei panni di Iron Man della Marvel, un personaggio che ha interpretato in diversi film usciti tra il 2008 e il 2019.

Poi, nel 2022, Downey e sua moglie hanno prodotto Sig.un documentario sulla sua complicata relazione con suo padre, morto nel 2021. Ora riflette: “Quello è stato davvero l’inizio di questo nuovo tipo di fase in cui mi trovo”, che è ampiamente previsto culminerà con la sua prima vittoria all’Oscar. .

Murphy, che è stato presentato con una forte ovazione, ha detto al pubblico: “Non ho mai lavorato né incontrato nessuno come Robert Downey Jr., davvero. Oltre al suo talento impressionante e alla sua gamma soprannaturale, è riuscito a impressionarci con il suo personaggio e le sue interpretazioni da protagonista, le sue interpretazioni drammatiche e le sue interpretazioni comiche devastanti, ha affrontato e trionfato in ogni tipo di ruolo immaginabile… È semplicemente strabiliante quello che ha fatto quest’uomo. Secondo me è l’attore più versatile della sua generazione, probabilmente di molte generazioni… Robert lavora duro per far sembrare tutto così semplice, come fanno tutti i grandi. Ma non è solo un grande attore, è una specie di unicorno, perché è un grande attore che ha anche raggiunto un livello di celebrità che pochi di noi possono comprendere. Penso che sia perché è uno degli attori più gentili, divertenti e generosi con cui abbia mai lavorato, e tutto questo traspare sullo schermo. Lo vedi in ogni esibizione.

Sabato sera, ospite della MTC Dave Karger, per il 14esimo anno consecutivo, ha presentato la serata Virtuosos Award del festival, una celebrazione di artisti che hanno fatto grandi passi avanti nell’ultimo anno, in un altro evento tutto esaurito all’Arlington Theatre. Prima che Karger salisse sul palco, tuttavia, Scott George e una schiera di colleghi cantanti e batteristi degli Osage hanno eseguito un’entusiasmante interpretazione di “Wahzhazhe (A Song for My People)”, la canzone originale di George nominata all’Oscar da Assassini della Luna dei Fiori.

Poi Karger ha presentato sei degli otto premiati preannunciati per brevi interviste individuali: Barbie Miglior attrice non protagonista nominata all’Oscar America Ferrera, Tutti noi estranei attore principale Andrea Scott, Maggio Dicembre Attore di supporto Carlos Melton, I resti Miglior attrice non protagonista nominata all’Oscar Da’Vine Joy Randolph, Vite passate attrice principale Greta Lee È Assassini della Luna dei Fiori migliore attrice nominata all’Oscar Giglio GladstoneRustin Candidato all’Oscar come miglior attore Colman Domingo È Il colore viola Miglior attrice non protagonista nominata all’Oscar Danielle Brooks hanno dovuto ritirarsi dall’evento per obblighi di ripresa – ricordando che, guarda caso, erano tutti artisti neri e/o membri della comunità LGBTQ. Ha risposto: “In altre parole, non vedrai una persona bianca etero sul palco tutta la notte”.

Ferrera ha parlato del famoso monologo che gli è stato chiesto di pronunciare Barbie (“Sono così felice di non aver commesso un errore”) e cosa significa per lei il riconoscimento dell’Academy (“Una nomination all’Oscar è nella mia lista dei sogni da quando avevo cinque anni – non fingiamo di avercela fatta”. ho praticato questo discorso mille volte”).

Scott ha discusso di quanto fosse significativo per lui mostrarlo Tutti noi estranei, che descrive una relazione omosessuale nella sua nativa Irlanda, dove era illegale per gli uomini tenersi per mano. Melton ha risposto alle domande sul suo livello di ansia Maggio Dicembre (“Ero davvero nervoso quando sono entrato – voglio dire, sì Natalie Portman È Giuliana Moore”) e prendendo 40 chili per interpretare il suo ruolo (“Per me era divertente, potevo mangiare quello che volevo”).

Randolph ha detto che ha sparato I resti più di due anni fa (è stato trattenuto dopo essere stato acquistato da Focus Features a seguito di una proiezione privata al Toronto International Film Festival del 2022). Nel frattempo, Lee ha detto di aver trascorso 20 anni in ruoli secondari Vite passateche ha descritto come “tutto ciò che ho cercato per tutta la mia vita” e, in riferimento al film stesso, “inyun”.

E Gladstone ha riflettuto sul fatto di diventare la prima nativa americana nominata all’Oscar come migliore attrice, sottolineando che era personalmente contenta ma anche frustrata dal fatto che i nativi americani fossero rimasti così a lungo senza questo riconoscimento: “È atteso da tempo.” – questo è il 96esimo Oscar”, ha detto, aggiungendo: “Il Super Bowl è domani. Non siamo arrivati ​​a tanto se guardi una delle squadre in gioco (i Chiefs).

Domenica il festival ha reso un ultimo tributo prima del Super Bowl. Ad Arlington, Jazz Tangçay ha moderato il Varietà Artisans Award omaggio a una serie di candidati all’Oscar: Barbie compositori Billie Eilish È Finneas (i fratelli dietro “What Was I Made For?” erano sicuramente l’attrazione principale), Guardiani della Galassia Vol. 3 Supervisore degli effetti visivi Stefano Ceretti, Oppenheimer compositore Ludwig Goransson, Barbie scenografo Sarah Greenwood e scenografo Katie Spencer, Conduttore parrucchiere/truccatore Kazu Hiro, Oppenheimer montatore cinematografico Jennifer Lame, Assassini della Luna dei Fiori Cinematografico Rodrigo Prieto, Spider-Man: Attraverso il Ragnoverso mixer per la ri-registrazione del suono Michael Semanick È Cose povere costumista Holly Waddington.

Parlare di Cose povereil candidato come miglior attore non protagonista nel film Marco Ruffalo sarà ad Arlington domenica sera per una conversazione retrospettiva sulla sua carriera prima della presentazione dell’American Riviera Award del festival.