SPORT

PSG x Real Sociedad: Kylian Mbappe ha poco tempo e deve rispondere a una domanda per trovare talento

È stato un piccolo record straordinario che naturalmente è andato perso quella notte, in parte perché Kylian Mbappe non ha ottenuto la vittoria che desiderava così disperatamente.

In quello che è stato forse il momento più emozionante della finale dei Mondiali 2022, la stella francese ha segnato il gol più forte dell’intero torneo, a 123,34 km/h. Nessun finale è stato più veloce. Il tiro al volo, tanto squisito quanto esplosivo, sembrava un simbolo di come non ci fosse modo di fermare Mbappe in quel momento. Anche sconfitto, era molto più di un semplice atto di sostegno. Il desiderio di Mbappe di essere al centro della scena non ha fatto altro che arricchire la grande storia di Lionel Messi, con entrambi i giocatori che hanno raggiunto l’apice delle proprie capacità raggiungendo il fondo della propria determinazione.

L’attaccante del Paris Saint-Germain potrebbe non essere riuscito a prendere il posto di Pelé nel vincere due Mondiali consecutivi, ma sembrava perfettamente preparato per succedere a Messi come prossimo miglior giocatore del mondo. L’intera stagione di Mbappé in Qatar è stata avvincente, con la sua tripletta nella finale che gli è valsa il titolo di capocannoniere, a coronamento della vittoria.

Sembrava determinato a sfruttare al meglio tutto quel talento… solo per fare ben poco da allora. Mbappe ha rallentato significativamente da quello sciopero.

Che cosa ha fatto di veramente significativo da allora?

Contro Gibilterra c’è stato un gol dalla distanza spettacolare, e in campo è tutto. La carriera di Mbappe dai Mondiali è stata caratterizzata da una serie di controversie fuori dal campo, in particolare il suo scontro con il PSG per il suo rifiuto di firmare un nuovo contratto la scorsa estate. In Champions League non c’è stato sicuramente nulla e, quel che è peggio, ci si aspetta poco da questa stagione.

La dice lunga il fatto che due dei giovani di Mbappe, Erling Haaland e Jude Bellingham, conducano la maggior parte della discussione lì. Sono molto meglio posizionati per avere un impatto maggiore nella più grande competizione per club di tutte, e questo alimenta già la convinzione di poterlo superare al vertice, indipendentemente dal fatto che semplicemente si uniscano a lui lì.

Kylian Mbappe guarda una partita NBA tra Brooklyn Nets e Cleveland Cavaliers a Parigi

(Immagini Getty)

Questo potrebbe essere il vero prezzo da pagare per la firma di così tanti contratti massicci per un progetto di riciclaggio dello sport la cui forza finanziaria ha reso irrilevante il campionato francese. Solo che ora Mbappe dovrebbe lasciare il PSG. La domanda non è più solo dove.

La questione è se Mbappe corre davvero il rischio di sprecare il suo immenso talento.

Questo può sembrare strano per uno che ha illuminato due Mondiali e due finali, ma la sua bravura richiede molto di più. C’è anche il fatto che il centro di gravità del calcio si è spostato sul gioco di club, che è dove l’impatto è ora più duraturo. Invece, finora ha trascorso tutta la sua carriera nella major league meno seguita. È uno dei motivi per cui non se ne parla tanto quanto Haaland o Bellingham.

Il fatto che Mbappe abbia recentemente creato il maggior numero di titoli sui potenziali trasferimenti lo riassume quasi. È come se si fosse distratto da tutti i discorsi invece di farlo sul campo. La gerarchia del PSG era comprensibilmente frustrata dal fatto che la solita saga ora accade “ogni sei mesi anziché solo ogni anno”. Mbappe potrebbe vederlo come parte del gioco e del necessario fermento mediatico intorno a lui, ma è un problema per la sua eredità che la visione sia ora condivisa in Francia – e non va dimenticato quanto profondamente sia personalmente preoccupato per questo. Ecco perché era abbattuto dopo aver perso la finale della Coppa del Mondo e la possibilità di emulare Pelé.

Meglio creare quel buzz mediatico per le tue esibizioni. Invece, è presente nella coscienza calcistica più ampia solo poche volte all’anno.

Kylian Mbappe è stato collegato al trasferimento al Real Madrid negli ultimi anni

(AP)

Un’altra domanda, quindi, è perché non sta facendo tutto il possibile per garantire che non rimanga nulla in campo; che non ci sono rimpianti per il suo tempo trascorso nel gioco. Sembra che ci sia già stata molta deriva.

La sensazione crescente è che Mbappé sia ​​stato mal consigliato e abbia permesso a troppo rumore di guidare la sua carriera.

I dirigenti del PSG sperano che arrivi al Real Madrid, ma ciò non è più considerato sicuro. C’è un’offerta sul tavolo, ma gli stipendi non sono ancora così alti come si aspettava Mbappe. Florentino Perez era altrettanto frustrato nei confronti del 25enne, soprattutto considerando come ha faticato a consigliare il giocatore dopo la delusione di Euro 2020. Il presidente del Real Madrid ha ritenuto di aver fatto abbastanza per convincere Mbappe ad unirsi nel 2022, solo per essere scioccato quando il nazionale francese ha firmato un nuovo contratto con il PSG. Potrebbe essere stato uno di quei momenti decisivi in ​​una carriera che diventa evidente solo più tardi, ancora di più quando il club di proprietà del Qatar ha iniziato a rimpiangere la quantità di potere che ha dato al giocatore.

Da parte sua, Mbappe si è reso conto gradualmente che avrebbe dovuto andarsene anni fa. Questa versione del PSG non gli avrebbe mai permesso di realizzare il suo talento. La sua squadra insisterebbe anche sul fatto che il progetto del Qatar ha fatto ripetute promesse a questo riguardo, che non sono state mantenute. Si sostiene che almeno parte del loro declino nell’ultimo anno sia dovuto a come è stato il PSG. Non è stato esattamente un ambiente, nelle parole di un ex allenatore locale, che incoraggia l’eccellenza.

I campioni ripetuti della Ligue 1 hanno dovuto sopportare quella che vedevano come una mancanza di lealtà quando la cerchia più ampia di Mbappe si è avvicinata al Liverpool l’anno scorso, ma non c’era alcuna offerta dalla gerarchia di Anfield. Semplicemente non volevano che lui interrompesse così tanto la loro intera strategia finanziaria. Lo stesso vale per l’Arsenal, al quale Mbappe approderebbe volentieri. In parte è anche una questione di eredità, poiché invita il giocatore a seguire Thierry Henry. Questo apprezzamento per la storia e le leggende è stato il tipo di pensiero che ha guidato il suo progetto di carriera.

Ora, per un giocatore che pensa chiaramente su larga scala, le opzioni di Mbappe sono stranamente limitate. È una contraddizione con tale capacità, ma anche una conseguenza del gioco moderno.

Kylian Mbappe del Paris Saint-Germain festeggia con Achraf Hakimi

(AFP tramite Getty Images)

Sono stati concentrati così tanti soldi e talenti ai vertici del calcio che solo una manciata di club può permettersi di pagare il giusto tasso di mercato per gli stipendi di queste stelle. L’altro lato della medaglia è che i club hanno realizzato tardivamente la logica di non pagare così tanto per i giocatori nel loro periodo migliore. L’intero mercato è cambiato, motivo per cui anche i club più grandi ora vogliono pagare di più per i talenti più giovani.

Ciò si verifica per due ragioni principali. Uno di questi è ovviamente l’economia. Due sono tattiche.

Il gioco moderno è diventato così sistematizzato e basato su una pressione frenetica da puntare ai giovani energici. Questa è un’altra area in cui Mbappe è ora accusato di sprecare quel talento. È stato così indulgente da essere diventato troppo individualista. Non si sottomette necessariamente al sistema nel modo richiesto dal gioco moderno, il che ha favorito questa tendenza.

La grande ironia è che sono i due club che hanno lottato di più per il proprio futuro, Madrid e PSG, ad aver adottato pienamente questo approccio tattico.

Perez, influenzato dal guru brasiliano Juni Calafat, si rese conto cinque anni fa della necessità di cambiare strategia nei confronti dei club statali. È così che, quasi di nascosto, hanno costruito la migliore squadra giovane del gioco. Da tempo si pensava che Mbappé ne sarebbe stato il volto, guidandolo con il suo ritmo, ma l’enfasi si è rapidamente spostata su Bellingham. Resta da vedere quanto sarà grande il Real Madrid quest’estate.

Il futuro di Kylian Mbappe rimane incerto

(Immagini Getty)

Nel frattempo, il PSG considera da tempo Mbappé come il volto del proprio progetto, ma ora sta valutando anche la vita senza di lui. È solo un’altra ironia che spostando Mbappé possano finalmente creare il tipo di squadra che desiderava da tempo. Tutte le altre star ben pagate se ne sono andate.

Ora c’è un’attenzione moderna ai giovani e un nuovo desiderio di massimizzare l’abbondanza di talenti del Parigi. La capitale francese è una delle tre zone più fertili al mondo per i calciatori, insieme al sud di Londra e a San Paolo, il che avrebbe dovuto rappresentare un ovvio vantaggio in termini di costruzione dell’identità del club. Finalmente lo stanno facendo bene. Il PSG ha già la quarta squadra più giovane in questa Champions League. Luis Enrique ha ricevuto la licenza per svilupparli in un moderno sistema tattico.

Questo era ciò che Mbappé desiderava da tempo, anche se la sua squadra poteva tranquillamente dire che gli era stato promesso già da tempo – e per questo ha rinnovato.

Il rovescio della medaglia, al momento, è che semplicemente non hanno la stessa aura riguardo al passaggio alle fasi successive. Un pareggio contro la Real Sociedad è estremamente strano.

Kylian Mbappe, del PSG, reagisce al Newcastle in Champions League

(Stampa associata)

Qui bisogna ammettere un certo doppio standard. Il PSG è stato giustamente criticato per così tanto tempo per il suo indulgente “progetto di vanità”, ma il fatto stesso di avere giocatori così famosi ha favorito la sensazione che potrebbero essere in grado di accenderlo in qualsiasi partita per un knockout. Ci sono quasi riusciti nel 2019-20.

Ora stanno mettendo insieme qualcosa di diverso. Ciò rende solo meno probabile che Mbappe realizzi presto le sue ambizioni di Champions League. È un progetto a lungo termine, quando avrà bisogno di riprendere velocità.

Un’altra domanda è in quale direzione. Mbappe ora ha bisogno di prestazioni eccezionali tanto attese in Champions League, tanto quanto per il suo futuro.

Un giocatore che è stato due volte eccezionale nella più grande partita di calcio di tutti i tempi deve ricordare alla gente le sue qualità generazionali.