Spel

Podcast 84 – Giochi e ragionamento morale

Come ho detto prima, probabilmente non hai bisogno che ti dica che i videogiochi a volte hanno una cattiva reputazione. Per aver provocato comportamenti violenti, per aver provocato il gioco d’azzardo compulsivo, per averti fatto marcire il cervello quando potresti fare cose più produttive. Una di queste aree in cui i giochi potrebbero aver avuto una cattiva reputazione è quella dello sviluppo morale e del ragionamento morale. Cioè, ho sentito critiche secondo cui i giochi – e i film, la televisione, ecc. – corrompono la morale dei giovani esponendoli a situazioni e personaggi chiaramente moralmente cattivi o, nella migliore delle ipotesi, moralmente troppo complessi, in modo che i bambini capiscano e reagire ad essi. A. A parte le classificazioni per età, molti bambini acquisiscono familiarità con giochi che presentano situazioni moralmente complesse. E questo fa sorgere la domanda: giocare a determinati giochi può aiutare i bambini a sviluppare le loro capacità di ragionamento morale, cioè la capacità di comprendere le complessità del comportamento morale o immorale?

Questo è il tipo di domande che esplorerò con l’aiuto dell’esperto ospite di questo episodio.

Sei uno dei miei fantasiosi e sofisticati sostenitori di Patreon? Se è così, riceverai una versione senza pubblicità di questo e di tutti gli altri podcast. Controlla il tuo feed Patreon segreto!

L’esperta ospite di questo episodio, la dottoressa Sarah Hodge

Ascolta sul tuo dispositivo preferito

Collegamenti:

Crediti audio:

2 giugno 2023 nel podcast.