SPORT

L’Inghilterra non è pronta a spodestare Sophia Dunkley nonostante le difficoltà di alto livello

Sophia Dunkley ha impressionato l’Inghilterra con una risposta perfetta all’espulsione, ma il vice allenatore Gareth Breese dice che deve ancora aspettare il momento giusto.

Dunkley è stata una notevole omissione dalle prime squadre internazionali dell’estate, rimandata ai South East Stars per riconquistare la sua fiducia dopo una forma indifferente, e ha prodotto una risposta straordinaria colpendo 130 contro Northern Diamonds nel Rachael Heyhoe-Flint Trophy la scorsa settimana.

In sua assenza, il primo posto preferito dall’Inghilterra è stato rovesciato in due tempi veloci durante l’apertura del T20 di sabato contro il Pakistan, scendendo a 11 su quattro prima che i padroni di casa si riprendessero per una comoda vittoria.

Danni Wyatt, Maia Bouchier, Alice Capsey e Freya Kemp sono caduti tra zero e cinque in un inizio frenetico a Edgbaston, ma sebbene Dunkley sia stato invitato al campo per una sessione con l’allenatore in battuta Alex Gidman martedì, Breese insiste sul fatto che non ci sarà alcun istinto richiamare.

“Come battitore, a volte commetti un errore e torni al padiglione. Non è una situazione ideale averne 11 su quattro, ma una cosa che si può dire di questa situazione è che noi sosteniamo le ragazze”, ha detto.

“Non sarebbero qui se non li avessimo sostenuti. Un piccolo segnale e non faremo un’inversione di marcia assoluta. È solo una di quelle cose e sono sicuro che rimedieremo nelle prossime partite.

“Stiamo cercando di non tagliare e modificare la selezione. Speriamo che (Dunkley) possa giocare qualche partita invece di sedersi in panchina con noi. Penso che questo sarà meglio per lei.

“Ogni volta che un giocatore ci lascia, questa è l’intenzione, possiamo sostenerlo e dargli l’opportunità di restare più a lungo in mezzo e sta funzionando esattamente come vorremmo.

“È tornata e ha fatto quello che ha fatto per anni, è tornata e ha segnato punti. Tutto quello che puoi chiedere quando sei in svantaggio e torni indietro è di lasciare parlare i fuggitivi.

Probabilmente sono un po’ un “papà scontroso”. Cerco di non farmi lusingare dalle recensioni, voglio solo che continuino a migliorare

Gareth Breese sugli spinner dell’Inghilterra.

L’Inghilterra alla fine è riuscita a ottenere un punteggio vincente di 163 su sei, con il capitano Heather Knight, Amy Jones e Dani Gibson tra i favoriti. Da lì, spettava agli spinner, supervisionati da Breese, concludere le cose.

L’affidabile trio formato da Sophie Ecclestone, Sarah Glenn e Charlie Dean è tra i primi cinque giocatori di bowling T20 nella classifica ICC, ma Breese è motivato a spingerli a migliorare continuamente.

“Probabilmente sono un po’ un ‘papà scontroso'”, ha detto.

“Cerco di non farmi lusingare dalle recensioni, voglio solo che continuino a migliorare e questo avverrà come sottoprodotto. Ma merito alle ragazze per il lavoro che hanno svolto in questi anni per ottenere questo riconoscimento in classifica”.

Il vice-capitano Nat Sciver-Brunt è tornato ad allenarsi dopo aver saltato la partita di apertura a causa di un piccolo intervento medico e tornerà nell’XI venerdì a Northampton.