FILM

L’autore originale di Jumanji rivela i piani scartati per un ridicolo sequel

Riepilogo

  • Chris Van Allsburg odiava l’idea di a Jumanji sequenza ambientata alla Casa Bianca, che lo ha portato a scrivere Zathura invece di.
  • Il recente Jumanji i film, con il loro concetto di videogioco, rappresentavano un notevole miglioramento rispetto all’idea originale del sequel.
  • Il concetto di videogioco consente la commedia e si rivolge al pubblico moderno con i suoi riferimenti alla cultura pop. Jumanji 4 è in costruzione


Chris Van Allsburg, autore del classico libro per bambini che è servito come base per Jumanji franchise cinematografico, ha rivelato un piano ridicolo che i produttori avevano per un sequel del film di Robin Williams. Nonostante abbia ricevuto recensioni contrastanti al momento della sua uscita originale, Jumanji È riuscito a incassare più di 262 milioni di dollari al botteghino mondiale ed è diventato considerato uno dei film più iconici del defunto comico. I piani a lungo maturati per un sequel si sono finalmente concretizzati nel 2005 Zathura: un’avventura spazialeprima che il franchise ricevesse finalmente un rinnovamento più moderno nel 2017 Jumanji: Benvenuto nella giungla.

In una recente intervista con Cavo SyFy, Van Allsburg lo aveva rivelato molto tempo prima Zathura: un’avventura spaziale, i produttori gli hanno chiesto informazioni sui piani per un film improbabile Jumanji sequenza che sarebbe stata ambientata alla Casa Bianca. L’autore dice addirittura che odiava così tanto l’idea, che è ciò che lo ha portato a scrivere Zathura. Controlla i loro commenti qui sotto:

Non so se ci fosse un solo scrittore coinvolto, ma (loro) decisero che quell’evento fosse accaduto in Normandia, che il gioco fluttuasse oltre l’oceano. Il gioco termina in un negozio di antiquariato in Normandia e vi rimane per qualche tempo.

(Il Presidente) ha promesso ai suoi figli di portare un ricordo del suo viaggio (per commemorare il D-Day). E così, il corteo presidenziale si ferma in questo piccolo negozio di antiquariato in Normandia e il Presidente entra e trova questo vecchio gioco da tavolo, Jumanji. Lui fa le valigie e lo riporta a Washington, DC e poi tutto il caos che il gioco può generare si genera alla Casa Bianca e nelle sale del Congresso… Avevano delle cose pazzesche. Penso che ci fosse un gorilla che scalò il monumento a Washington in suo onore King Kong.

(Una scena avrebbe mostrato gli animali tagliati a metà da un’elica), quindi erano in grado di riassemblarsi in diverse parti di un animale. Era solo una scusa per vedere cosa poteva fare qualche artista CGI. Totalmente idiota.

Uno dei produttori mi ha detto: “L’unica cosa che potrebbe impedirgli di farlo sarebbe un’idea migliore”.


Come il nuovo concetto di videogioco di Jumanji è stata la scelta perfetta per il sequel

Jack Black guarda un elenco di videogiochi con le sue abilità e debolezze in Jumanji Welcome to the Jungle

Sebbene Van Allsburg sembri soddisfatto che il piano originale per a Jumanji Il sequel non è mai stato realizzato, più recentemente il franchise ha riscosso un notevole successo con film guidati da Dwayne Johnson, Kevin Hart, Jack Black e Karen Gillan. Trasformare il gioco da tavolo del film originale in un magico videogioco in cui i giocatori assumono il ruolo di avatar nel gioco, gli ultimi episodi offrono al pubblico una svolta avvincente rispetto all’originale Jumanji concetto. Offrendo molto materiale comico, il concetto aggiornato del franchise è un enorme miglioramento rispetto al campo della Casa Bianca che Van Allsburg tanto detestava.

Imparentato

Jumanji 4 ha bisogno di qualcosa di più del ritorno di un attore OG di livello superiore per unire i film Rock e Robin Williams

Jumanji: The Next Level ha riportato in vita un membro del cast originale di Jumanji e Jumanji 4 deve andare ancora oltre con questa strategia.

Tuttavia, forse ciò che rende Jumanji nuovo concetto di videogioco così riuscito è che non solo consente a Johnson e ai suoi colleghi di mostrare la loro abilità comica, ma anche fornisce inoltre al pubblico moderno un elemento di cultura pop molto più rilevante di quanto il gioco da tavolo possa mai fare. Proprio come la nostalgia che circondava l’inclusione di un gioco degli anni ’60 a metà degli anni ’90, Jumanji: Benvenuti nella giungla È Jumanji: Il livello successivo offrono un salto retrospettivo simile descrivendo il gioco come una video console degli anni ’90 completa della grafica a 16 bit dell’epoca.

Questa differenza oraria offre agli spettatori più anziani l’opportunità di riflettere direttamente sulle tendenze dell’intrattenimento popolari durante la loro giovinezza, senza essere così espansivi da alienare completamente gli spettatori più giovani. Cosa succede con JumanjiIn resta da vedere il gioco titolare che seguirà il prossimo capitolo del franchise, anche se con i piani attualmente in atto per farlo Jumanji 4Sarà interessante vedere cosa hanno in serbo Johnson e i suoi co-protagonisti per il pubblico.

Fonte: SyFy Wire

Locandina del film Jumanji 1995

Jumanji

Jumanji è una commedia d’azione-avventura del regista Joe Johnston e interpretata da Robin Williams. Due fratelli orfani si trasferiscono in una casa occupata dall’antica famiglia Parrish, il cui figlio è scomparso anni fa. Quando i due iniziano a giocare a un misterioso gioco da tavolo noto come “Jumanji”, in seguito liberano inconsapevolmente lo scomparso Alan Parrish, insieme a molti altri pericoli a tema giungla che possono essere fermati solo finendo il gioco.

Data di rilascio di
15 dicembre 1995

Direttore
Joe Johnston

Lancio
Robin Williams, Kirsten Dunst, David Alan Grier, Bonnie Hunt, Jonathan Hyde, Bebe Neuwirth

Valutazione
PAG

Durata
104 minuti

Scrittori
Jonathan Hensleigh, Greg Taylor, Jim Strain

Studio(i)
Imaging TriStar, comunicazioni Interscope

Distributore/i
Rilascio di foto Sony