FILM

L’attore di “Glengarry Glen Ross” David Mamet aveva 99 anni – The Hollywood Reporter

Mike Nussbaum, il defunto attore di Chicago che interpretava il vecchio venditore George Aaronow nella produzione originale di Broadway di Glengarry Glen Ross, solo una delle sue tante collaborazioni con David Mamet, è morta. Aveva 99 anni.

Nussbaum è morta sabato – sei giorni prima del suo centesimo compleanno – nella sua casa di Chicago, ha detto sua figlia Karen. Chicago Sun Times.

Si è esibito sui palcoscenici di Windy City per più di mezzo secolo e ha ricevuto un premio alla carriera dalla League of Chicago Theatres nel 2019.

Sul grande schermo, Nussbaum ha interpretato il ruolo dell’editore di libri Bob Drimmer Attrazione fatale (1987), direttore scolastico in Campo dei sogni (1989) e il proprietario di una gioielleria aliena Gentle Rosenburg in Uomini in nero (1997).

Nussbaum e Mamet si incontrarono alla fine degli anni ’60 e il futuro vincitore del Premio Pulitzer lo scelse per il ruolo di Teach nella première del 1975 del suo dramma a tre. Bufalo americano al Goodman Theatre di Chicago. Ha anche interpretato Albert Einstein in Mamet Relatività.

Ha condiviso un Drama Desk Award nel 1984 per il ruolo di Aaronow (Alan Arkin aveva il ruolo nell’adattamento cinematografico del 1992) in Glengarry Glen Ross ed è stato un altro venditore, Shelley Levene (Jack Lemmon nel film), in un’altra acclamata esibizione allo Steppenwolf Theatre di Chicago.

“È meraviglioso lavorare con Mike perché, come ogni artista, come ogni attore, è semplicemente insolito”, ha detto Mamet in un profilo di Nussbaum del 2014. Chicago rivista. “Dici costantemente: ‘Oh mio Dio, da dove viene?’ Non viene da una serie di ‘momenti di recitazione’. Sono tutte stronzate. Viene da… chissà da dove? O lo capisci o non lo capisci, e Mike lo capisce sicuramente.

Figlio di un grossista di pellicce, Myron Nussbaum è nato il 29 dicembre 1923 ed è cresciuto nella zona di Albany Park a Chicago. Si diplomò alla Von Steuben High School e poi lasciò l’Università del Wisconsin per arruolarsi nell’esercito degli Stati Uniti, dove prestò servizio sotto il generale Dwight D. Eisenhower come operatore di telescrivente.

A casa, ha lavorato per quasi vent’anni in un’azienda di sterminio familiare prima di decidere, all’età di 40 anni, di intraprendere la carriera di attore a tempo pieno. Ha ricevuto la sua carta Equity solo all’inizio degli anni ’70.

Nussbaum arrivò per la prima volta a Broadway come regista della commedia musicale del 1982 Le scarpe in vernice nera riflettono davvero?, ma durò solo cinque rappresentazioni. Tornò quattro anni dopo con un ruolo nel film di John Guare La Casa delle Foglie Blu.

Nussbaum ha anche interpretato rispettivamente un truffatore e un boss della mafia nei film di Mamet. Casa dei Giochi (1987) e Le cose cambiano (1988).

Il suo curriculum sullo schermo è incluso Harry e Tonto (1974), Perdere Isaia (1995) e Ruba molto, ruba poco (1995), e la TV diventa L’equalizzatore, 227, Legge di Los Angeles, ponte di Brooklyn, Frasier, Il Commissario, Gli x-file È Prima edizione.

Al Chicago profilo della rivista, ha notato che faceva 50 flessioni al giorno e beveva un doppio bicchierino di segale prima di andare a letto ogni sera.

I sopravvissuti includono la sua seconda moglie, Julie, che sposò nel 2004; i suoi figli, Jack e Karen, e sette nipoti. La sua prima moglie era Annette Brenner; si sono sposati dal 1949 fino alla sua morte nel 2003.

“Penso che fare l’attore a Chicago, per un certo numero di anni, sia la vita più appagante che potessi immaginare”, ha detto Nussbaum Sun-Times nel 2019. “Ho trovato New York e Los Angeles… antitetiche all’arte. Il desiderio di fama, il desiderio di gloria, di denaro, è travolgente in entrambe le città. Anche se ho avuto un certo successo in entrambe le città, ho deciso che qui la mia vita sarebbe stata più equilibrata. Mi piace salire sull’autobus per andare in centro e sentire qualcuno arrivare e dire: ‘Ti ho amato così e così’”.