Världsnyheter

L’assassino della chiesa di Lakewood si chiama Genesse Moreno mentre la polizia conferma la parola bloccata sul fucile AR-15

L’assassino che ha aperto il fuoco all’interno Joel Osteenquesto è Chiesa di Lakewood In Houston è stata ora identificata dalla polizia come Genesse Ivonne Moreno, una “lupo solitario” di 36 anni che avrebbe portato suo figlio in chiesa prima di imbarcarsi sparando con un fucile d’assalto con la parola “Palestina“attraverso lei.

Le forze dell’ordine hanno tenuto una conferenza stampa lunedì, il giorno dopo che Moreno sarebbe entrato nella megachiesa con il figlio di sette anni e avrebbe aperto il fuoco con un fucile.

La sparatoria ha avuto luogo intorno alle 13:50 di domenica, pochi minuti prima dell’inizio previsto di un sermone in spagnolo.

Christopher Hassig dell’unità omicidi del dipartimento di polizia di Houston ha detto che la Moreno si è fermata fuori dalla chiesa alle 13:53 nel suo veicolo bianco.

Aprì la portiera e fece scendere il bambino di sette anni dal sedile posteriore.

Indossando un trench e portando una borsa, Moreno e il ragazzo sono entrati nell’edificio dal lato ovest.

La polizia ha detto che avrebbe puntato la pistola contro una guardia di sicurezza per entrare nella chiesa, dove ha poi iniziato a sparare nel corridoio, sparando più volte.

Due agenti di polizia fuori servizio hanno risposto al fuoco, sparando e uccidendo Moreno.

Durante quella che il signor Hassig ha descritto come una “sparatoria”, il bambino di sette anni è stato colpito alla testa.

È stato portato in ospedale dove sta lottando per sopravvivere in condizioni critiche. Anche una seconda vittima, un uomo di 57 anni, è stata colpita a una gamba.

Da allora è stato dimesso dall’ospedale.

La polizia ha recuperato due armi di Moreno: l’AR-15 utilizzato nella sparatoria e un fucile calibro 22.

Durante l’incidente, lo ha già detto la polizia che Moreno aveva anche minacciato di avere una bomba. Ma quando la polizia ha perquisito il suo veicolo e lo zaino, non ha trovato esplosivi.

Il capo Finner ha detto in una conferenza stampa domenica che la donna stava anche spruzzando “qualche tipo di sostanza sul terreno”. Non è chiaro di cosa si tratti esattamente, ma lunedì le autorità hanno rassicurato il pubblico che i test erano stati effettuati, confermando che non vi era alcun rischio di esposizione a una sostanza chimica.

Anche se il motivo della sparatoria rimane poco chiaro, gli investigatori hanno detto che Moreno aveva un adesivo con la scritta “Palestina” sul calcio del fucile.

Da allora la polizia ha recuperato anche scritti antisemiti.

Al momento della sparatoria, il signor Hassig ha detto che la Moreno era nel mezzo di una disputa domestica con il suo ex marito e la sua famiglia, che sono ebrei.

“Pensiamo che sia da lì che viene”, ha detto.

Tuttavia, i funzionari hanno messo in guardia contro le speculazioni, affermando che l’indagine è ancora nelle fasi iniziali.

“È troppo presto per determinare il motivo delle azioni dell’assassino e non stiamo facendo ipotesi”, ha detto Doug Williams, agente speciale dell’FBI responsabile dell’ufficio sul campo di Houston.

I fedeli lasciano la chiesa di Lakewood domenica dopo la sparatoria

(PAPÀ)

Non è stato stabilito alcun collegamento tra la sospettata e la megachiesa dove è avvenuta la sparatoria, ma le indagini finora hanno rivelato che la donna ha agito da sola.

Moreno ha utilizzato diversi pseudonimi, inclusi nomi sia maschili che femminili. Tuttavia, “durante le indagini fino ad oggi, è sempre stata identificata come una donna”, ha detto la polizia.

Uno di questi alias è Jeffrey Escalante, ha riferito NBC News. Moreno aveva una lunga fedina penale con precedenti arresti tra cui aggressione, possesso di marijuana, falsificazione, furto, fuga e porto illegale di armi, secondo il punto vendita.

I funzionari hanno elogiato il “coraggio” e l’eroismo dei due agenti che hanno sparato al sospettato, dicendo che senza di loro sarebbero andate perdute più vite.

“Quello che è successo ieri è stata la personificazione dell’eroismo e del coraggio”, ha detto Kevin Lilly, presidente della TABC, aggiungendo che i due ufficiali fuori servizio “hanno mantenuto la loro posizione” di fronte a una pistola puntata contro di loro “a bruciapelo”.

“Costituivano un muro che esisteva tra i fedeli e il terrore. Tra libertà di religione e omicidio”, ha detto.

Domenica sera, funzionari tra cui l’Ufficio per l’alcol, il tabacco, le armi da fuoco e gli esplosivi (ATF) hanno perquisito una casa collegata al sospettato a Conroe, in Texas.

La casa si trova a circa 50 minuti a nord di Lakewood Church. Le prove sono state raccolte presso la proprietà, ha riferito la CNN.

Lakewood Church è una delle più grandi chiese cristiane degli Stati Uniti, con una capacità di circa 16.000 persone. Il signor Osteen, il suo pastore anziano, è uno dei leader religiosi più importanti degli Stati Uniti.

In una conferenza stampa dopo l’incidente, ha detto: “Poteva andare molto peggio. Sappiamo che Dio ha il controllo.

Chiunque abbia informazioni sul sospettato o sulla sparatoria è invitato a contattare il dipartimento di polizia di Houston.