Världsnyheter

La Russia lancia nuovi attacchi mentre il generale di Kiev avverte del difficile anno a venire

Russia sembra aver lanciato un nuovo attacco contro una città chiave nell’Ucraina orientale KievIl massimo generale ucraino ha avvertito che senza la fornitura di armi aggiuntive all’Ucraina, Il Cremlino potrebbe distruggere posizioni chiave nella prima riga.

Geolocalizzato immagini hanno mostrato dozzine di veicoli russi che avanzavano a nord di Avdiivka, una città ucraina in prima linea nella regione orientale di Donetsk.

L’Istituto per lo studio della guerra ha confermato che le forze russe sono avanzate a nord-ovest, sud-ovest e sud-est di Avdiivka durante Natale e Santo Stefano.

La Russia ha trascorsi mesi cercando di conquistare la città orientalelanciando molteplici ondate di assalti meccanizzati utilizzando centinaia di veicoli e migliaia di uomini.

Un agente di polizia ucraino si mette al riparo davanti a un edificio in fiamme colpito durante un attacco aereo russo ad Avdiivka.

(PAPÀ)

Finora, le truppe hanno ottenuto solo guadagni minori, misurati in chilometri e talvolta in pochi metri, mentre hanno subito perdite significative in attrezzature e uomini.

Generale Oleksandr Tarnavsky, leader del gruppo Tavria UcrainaL’esercito russo, che supervisiona Avdiivka, ha detto che almeno 20.000 soldati russi sono stati uccisi o feriti negli ultimi tre mesi da quando si è intensificato l’assalto alla città.

Ma il generale ha anche ammesso che la situazione ad Avdiivka è estremamente difficile.

Ha detto che il Cremlino aumenta costantemente i suoi sforzi per conquistare Avdiivka e ritiene che l’esercito russo abbia dato priorità alla cattura della città orientale nel 2024.

I suoi commenti sono arrivati ​​mentre il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu affermava che le forze del Cremlino lo avevano fatto prese la vicina città di Marinka dopo mesi di violenti combattimenti.

Sebbene questa affermazione sia stata contestata dai funzionari ucraini, il comandante in capo militare dell’Ucraina, il generale Valery Zaluzhny, ha ammesso che la Russia aveva distrutto la città.

Il generale ucraino Valery Zaluzhny afferma che la Russia ha il potere di distruggere intere città in Ucraina l’anno prossimo

(AFP tramite Getty)

Il valore strategico della conquista di Marinka e Avdiivka è discutibile, ma i recenti successi suggeriscono che la Russia abbia preso l’iniziativa, almeno su alcune parti della linea del fronte.

Questi successi sono sottolineati dai crescenti timori che il fallimento degli alleati occidentali dell’Ucraina nell’inviare ulteriore sostegno militare a Kiev possa portare a ulteriori guadagni russi nel 2024.

All’inizio di questo mese, i politici repubblicani negli Stati Uniti hanno bloccato un pacchetto di sostegno militare da 61 miliardi di dollari (48 miliardi di sterline) proposto dall’amministrazione Biden per l’Ucraina.

In Europa, il primo ministro ungherese Viktor Orban, alleato di Vladimir Putin, ha bloccato miliardi di aiuti militari aggiuntivi all’Ucraina, nonché un pacchetto di aiuti finanziari da 50 miliardi di euro (43 miliardi di sterline).

Il primo ministro ungherese Viktor Orban, alleato di Vladimir Putin, ha bloccato qualsiasi nuovo aiuto dell’Unione Europea all’Ucraina.

(Sputnik)

Borja Lasheras, consigliere speciale per l’Ucraina presso il Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE), il braccio di politica estera e di difesa dell’Unione europea, ha dichiarato: L’indipendente che questi ostacoli significavano che non ci sarebbe stato un sostanziale sostegno militare a Kiev per i primi tre-sei mesi del 2024.

“Questo divario mi preoccupa molto”, ha detto. “Gli ucraini hanno un disperato bisogno di munizioni. »

John Foreman, che ha servito come addetto alla difesa del Regno Unito a Mosca dal 2019 al 2022 e a Kiev nel 2014, ha accusato l’alleanza occidentale di aver ammanettato l’Ucraina.

“Il fatto che gli ucraini combattessero con una mano legata dietro la schiena – sia sulla terra, in mare o in aria – ha dato ai russi il tempo e lo spazio per riorganizzarsi”, ha detto. L’indipendente.

Nella sua prima conferenza stampa dall’invasione su vasta scala della Russia lo scorso febbraio, il generale Zaluzhny si è lamentato del fatto che senza un adeguato sostegno da parte dei sostenitori occidentali di Kiev, così come una più ampia campagna di mobilitazione interna dell’Ucraina, la Russia potrebbe ridurre le città ucraine in macerie nel giro di pochi mesi.

Martedì parlando ai giornalisti ha detto: “Ogni pezzo del nostro territorio ci è caro, che si tratti di Bakhmut o di Avdiivka. Difenderemo il nostro territorio il più ferocemente possibile. Ma se non abbiamo forze sufficienti per raggiungere questo obiettivo, è meglio preservare la vita dei nostri concittadini”.

Ha aggiunto: “Il nemico ha la possibilità di radunare forze, comprese l’artiglieria e l’aviazione, in qualsiasi settore, e può trasformare qualsiasi città in un’altra Bakhmut in due o tre mesi. »