SPORT

La lotta di Francis Ngannou presenta “molti pericoli” per Anthony Joshua – Eddie Hearn

Anthony Joshua non si limiterà a farsi strada attraverso Francis Ngannou e dovrà cercare di logorare il combattente di arti marziali miste diventato pugile prima di sferrare qualsiasi colpo da KO, secondo Eddie Hearn.

Ngannou potrebbe aver perso l’elemento sorpresa dopo il sorprendente debutto nella boxe professionistica lo scorso ottobre, quando l’ex campione dei pesi massimi UFC mise KO Tyson Fury prima di perdere una decisione discutibile.

Cercherà di dimostrare che la sua prestazione non è stata un colpo di fortuna l’8 marzo contro Joshua, che spera di mettersi in mostra per avere una possibilità con il collega britannico Fury o una riunione della trilogia contro Oleksandr Usyk.

Ma il promotore Hearn pensa che Ngannou rappresenti una sfida considerevole nonostante il suo status di rookie, ed è improbabile che si tiri indietro, come hanno fatto molti dei precedenti avversari di Joshua di fronte alla sua spaventosa potenza di pugni.

“È sicuramente una lotta con molto pericolo”, ha detto Hearn all’agenzia di stampa PA. “Devi davvero prestare attenzione a questa lotta, devi essere acuto.

“Francisco ha sorpreso tutti. È un concorrente testardo e non sarà facile, dovrai abbatterlo e continuare a colpire, colpire e colpire.

“Questo non sarà un colpo al mento, chiaramente è un oggetto immobile con un mento fantastico e un grande, grande, grande potere.

“Devi essere molto intelligente in questa lotta: non farti colpire, buttalo a terra e speriamo che cada come una grande torre e possiamo andare avanti.”

L’incontro contro Ngannou a Riyadh sarà il quarto nell’arco di 11 mesi per Joshua (27-3, 24KO), che sta cercando di aumentare le sue speranze di diventare tre volte campione del mondo dei pesi massimi.

Si posiziona quindi in prima fila per affrontare il vincitore dello scontro riorganizzato tra il campione WBC e rivale di lunga data Fury e Usyk, il campione WBA, IBF e WBO che ha sconfitto Joshua due volte.

I due si affronteranno il 18 maggio nel primo incontro indiscusso per il titolo mondiale dei pesi massimi dell’era delle quattro cinture e Hearn tiene le dita incrociate: sarà Fury a prevalere.

“Voglio davvero che Fury vinca il suo combattimento perché se AJ riesce a fare un lavoro su Ngannou, secondo me, si creerà il più grande incontro nella storia di questo sport”, ha aggiunto Hearn.