Världsnyheter

La fame non deve mai essere consentita, afferma il responsabile dei diritti umani delle Nazioni Unite – Global Issues

“La carestia non deve mai essere un mezzo o il risultato di una guerra”, ha affermato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Türk. dicerisposta all’allarmante sicurezza alimentare rapporto rilasciato giovedì, confermando i ripetuti avvertimenti di livelli di fame catastrofici nell’enclave assediata nel mezzo dei combattimenti in corso.

In un tweet, Türk ha esortato Israele ad agire immediatamente per garantire che tutti coloro che non sono coinvolti negli scontri tra le forze di difesa israeliane e i combattenti di Hamas “facilitino le consegne umanitarie di cibo secondo necessità”.

Il rapporto Integrated Food Security Phase Classification (IPC) spiega che la carestia potrebbe verificarsi nei prossimi sei mesi se persisterà l’attuale situazione di intenso conflitto e accesso limitato agli aiuti.

L’intera popolazione di Gaza – circa 2,2 milioni di persone – vive già in condizioni di crisi o di livelli ancora più gravi di grave insicurezza alimentare.

Il rapporto dell’IPC evidenzia che, sebbene la soglia della carestia non sia stata superata, gli operatori umanitari sono particolarmente preoccupati per la malnutrizione tra i bambini, le donne incinte e in allattamento e gli anziani.

Test per ragazze adolescenti

Evidenziando la portata della crisi umanitaria nell’enclave, l’agenzia delle Nazioni Unite per i palestinesi, UNRWAha avvertito che più di 690.000 donne e ragazze adolescenti non hanno praticamente accesso ai prodotti per l’igiene mestruale.

“L’UNRWA distribuisce assorbenti, ma come tutto ciò che distribuiamo, è una goccia nell’oceano rispetto ai bisogni della popolazione di Gaza”, ha detto in un tweet la portavoce Tamara Alrifai.

Nel frattempo, l’ufficio di coordinamento degli aiuti delle Nazioni Unite OCHA giovedì hanno riferito di pesanti bombardamenti israeliani dall’aria, dalla terra e dal mare su gran parte della Striscia di Gaza, nonché dal lancio di razzi di Hamas su Israele.

“Intense operazioni di terra e combattimenti tra le forze israeliane e i gruppi armati palestinesi sono continuati nella maggior parte delle aree di Gaza, ad eccezione di Rafah. Il lancio di razzi da parte di gruppi armati palestinesi su Israele è continuato”, secondo il rapporto sulla situazione dell’OCHA.