Världsnyheter

Joly esorta Israele a “ottenere la vittoria” e a non intensificare l’attacco iraniano – Nazionale

Il Ministro degli Affari Esteri Melanie Joly lunedì ha detto che l’ha esortata israeliano controparte di “per favore, prendi la vittoria” ed evita ogni ulteriore escalation in seguito Iran massiccio attacco di droni e missili contro Israele durante il fine settimana.

Quasi tutte le centinaia di missili e droni lanciati sabato dall’Iran verso Israele sono stati intercettati., secondo la Casa Bianca e un portavoce dell’esercito israeliano, i danni sono stati minimi. Il capo militare israeliano ha detto che il paese avrebbe risposto all’attacco iraniano, ma quale forma avrebbe preso questa risposta non era ancora chiaro lunedì quando il gabinetto di guerra israeliano si è riunito per discutere le azioni dell’Iran.

Si teme un’ulteriore escalation nella regione ha spinto diverse compagnie aeree a interrompere i loro voli tra preoccupazioni per la sicurezza.

Joly ha detto ai giornalisti a Ottawa che mentre il Canada e i suoi alleati sostengono il diritto di Israele a difendersi, stanno anche “chiaramente spingendo per una riduzione della tensione”.

La storia continua sotto la pubblicità

“Ecco perché ho detto chiaramente alla mia controparte israeliana: per favore, ottenete la vittoria e assicuratevi di poter lavorare insieme per portare la pace nella regione”, ha detto.


Clicca per riprodurre il video:


Biden avverte Netanyahu di mostrare moderazione dopo l’attacco iraniano a Israele


Lunedì leader e funzionari di tutto il mondo hanno lanciato appelli simili affinché Israele non risponda allo stesso modo all’attacco iraniano, e molti hanno anche sottolineato che è stato ampiamente respinto.

L’email che ti serve per la giornata
le principali notizie dal Canada e dal mondo.

Il portavoce per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha detto che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha elogiato i preparativi e le azioni intraprese dalle forze israeliane, statunitensi e della coalizione per respingere l’attacco durante una chiamata con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu sabato sera, definendolo un “successo straordinario”.

“Il presidente ha esortato il primo ministro a pensare a cosa significhi questo successo di per sé per il resto della regione”, ha detto Kirby.

La storia continua sotto la pubblicità

Allo stesso modo, parlando ai giornalisti a Shanghai, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha avvertito che il successo di Israele nel prevenire la distruzione e la morte su larga scala “forse non dovrebbe essere gettato via – da qui il nostro consiglio di contribuire anche voi alla riduzione dell’escalation”.

Josep Borrell, capo degli affari esteri dell’Unione europea, così come il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro britannico Rishi Sunak hanno lanciato appelli simili. Anche le Nazioni Unite e persino il governo russo hanno lanciato appelli alla moderazione.

Il ministero degli Esteri francese ha affermato che la Francia sta lavorando con i suoi partner per disinnescare la situazione.

In una dichiarazione video pubblicata lunedì sui social media, il tenente gen. Herzi Halevi, capo di stato maggiore dell’esercito israeliano, ha affermato che l’IDF rimane “al suo massimo livello di prontezza” e continua a valutare le conseguenze dell’attacco iraniano e la potenziale risposta di Israele.

“L’Iran dovrà affrontare le conseguenze delle sue azioni”, ha affermato. “Sceglieremo la nostra risposta di conseguenza”.


Clicca per riprodurre il video: “Israele valuta come rispondere agli attacchi missilistici e di droni iraniani”


Israele valuta come rispondere agli attacchi missilistici e di droni iraniani


L’Iran ha lanciato l’attacco in risposta a un sospetto attacco aereo israeliano contro la sua ambasciata in Siria il 1° aprile, che ha ucciso sette ufficiali della Guardia rivoluzionaria iraniana, tra cui due comandanti anziani.

La storia continua sotto la pubblicità

Israele e i suoi principali sostenitori, compresi i gruppi per i diritti degli ebrei in Canada e nel G7, hanno definito l’attacco iraniano “ingiustificato”.

L’attacco iraniano segna la prima volta che l’Iran lancia un attacco militare diretto contro Israele, nonostante decenni di animosità risalenti alla Rivoluzione Islamica del 1979.

La ritorsione militare di Israele contro l’Iran scatenerebbe probabilmente una guerra più ampia in Medio Oriente, che è già una regione a rischio mentre Israele continua la sua campagna militare a Gaza in risposta agli attacchi di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

Parlando a Global News in un’intervista prima dell’attacco di sabato trasmesso domenica il Il blocco ovestL’ex primo ministro israeliano Naftali Bennett ha affermato che l’Iran dovrebbe “pagare direttamente il prezzo” nella sua capitale, Teheran, in caso di un attacco iraniano contro Israele.

—Con file di Reuters e Associated Press

&copia 2024 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.