Spel

Il futuro di come lavoriamo insieme in Roblox

Oggi ho condiviso un aggiornamento con i nostri dipendenti sul futuro del modo in cui lavoriamo insieme in Roblox.

***

Cari dipendenti Roblox,

Oggi chiediamo a molti dei nostri dipendenti da remoto di iniziare a lavorare dalla nostra sede di San Mateo la prossima estate e di abbandonare il lavoro da remoto su Roblox. Non prendiamo questa decisione alla leggera, poiché comprendiamo che la decisione di trasferirsi è importante, sia per i nostri dipendenti che per le loro famiglie e i loro cari. Tutti i dipendenti remoti riceveranno un’e-mail entro l’ora successiva con i dettagli sull’impatto di questa decisione sulla sede del loro ruolo.

Vorrei spiegare il motivo di questa decisione e fornire ulteriori dettagli sulla logistica. Ricordo chiaramente l’inizio della pandemia. Stavo progettando un viaggio internazionale e vedevo, giorno dopo giorno, come diminuivano le probabilità di qualsiasi tipo di viaggio. Ovviamente, il viaggio non è mai avvenuto e Roblox si è trasferito in una forza lavoro completamente remota nel marzo 2020. Ciò che inizialmente pensavamo sarebbero state poche settimane si è trasformato in qualche anno e sono rimasto sbalordito da quanto siamo riusciti a ottenere in circostanze davvero straordinarie.

Con il protrarsi della pandemia, diverse aziende hanno annunciato che avrebbero supportato il lavoro a distanza al 100% per tutti, per sempre. Durante questo periodo abbiamo avuto numerose discussioni approfondite e abbiamo continuato a tornare all’idea che Roblox è in definitiva un’azienda innovativa e che dovevamo tornare a lavorare di persona. Eravamo anche preoccupati per molti gruppi, come i nostri neolaureati e le persone all’inizio della loro carriera, che in genere apprendono attraverso il contatto sociale e avrebbero perso questo tutoraggio. E, naturalmente, ciò richiede la presenza di dipendenti di alto livello per fornire tale tutoraggio.

Personalmente speravo che, per la nostra cultura e per la nostra tipologia di lavoro, fosse possibile immaginare una cultura remota fortemente ibrida. Ma c’è stato un momento cruciale per me quando abbiamo avuto il nostro primo incontro di gruppo di persona dopo la quarantena. Nel giro di 45 minuti sono uscito da tre conversazioni separate con cose spontanee da fare e idee da mettere in atto, cosa che non era accaduta negli ultimi anni di riunioni video.

Ora, quasi un anno dopo che la maggior parte di noi è tornata alla nostra sede centrale a San Mateo, abbiamo visto quanto possiamo realizzare, fino a che punto possiamo guidare l’innovazione e come stare insieme rafforza la nostra cultura. Per molti di noi, la “fatica da zoom” è reale. Una revisione di gruppo di tre ore di persona è molto meno faticosa che tramite video e le sessioni di brainstorming sono più fluide e creative. Anche se sono fiducioso che raggiungeremo un punto in cui gli spazi di lavoro virtuali saranno coinvolgenti, collaborativi e produttivi quanto gli spazi fisici, non siamo ancora arrivati ​​a quel punto.

Questa è una decisione estremamente difficile perché il luogo in cui viviamo è una scelta personale e influenza ogni aspetto della nostra vita. Abbiamo fatto tutto il possibile per rendere questo processo il più sistematico ed equo possibile. Purtroppo so che alcuni dipendenti decideranno di non unirsi a noi in sede.

Ci saranno alcuni dipendenti remoti a cui non verrà chiesto di tornare, in particolare 1) team e ruoli che devono essere remoti (ad esempio data center, moderatori, call center, ecc.) e 2) persone che hanno competenze specifiche o conoscenze istituzionali significative (ad esempio, competenze multidisciplinari, profonda esperienza con i sistemi Roblox, ecc.). Al momento non estenderemo nuove offerte ai dipendenti remoti, oltre alle eccezioni sopra descritte. Per i dipendenti remoti a cui chiediamo di passare a ruoli in ufficio, forniremo la possibilità di aderire al nostro programma di lavoro in ufficio di tre giorni (dal martedì al giovedì) o di accettare un pacchetto di buonuscita.

La nostra massima e immediata priorità è supportare i nostri dipendenti remoti a cui abbiamo chiesto di iniziare a lavorare dai nostri uffici, qualunque decisione prendano, e garantire che i nostri team abbiano ciò di cui hanno bisogno per continuare a raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi per quest’anno e il prossimo. Per i manager di dipendenti remoti che decidono di non trasferirsi, capisco l’onere che ciò può comportare per te e i tuoi team.

Abbiamo piani in atto per garantire il supporto dei nostri team e dei singoli dipendenti. Ecco una panoramica di alto livello di come funzionerà:

  • I dipendenti a cui verrà chiesto di iniziare a lavorare dall’ufficio avranno tre mesi, fino al 16 gennaio 2024, per prendere tale decisione.
  • I dipendenti che non possono trasferirsi avranno altri tre mesi, fino al 15 aprile 2024, per abbandonare le loro funzioni di dipendenti a tempo pieno. I dipendenti continueranno a lavorare durante questo periodo senza modifiche ai loro compensi o ai programmi di maturazione. Ciò significa che tutti i dipendenti, indipendentemente dal fatto che abbiano deciso di trasferirsi o meno, riceveranno i diritti trimestrali per novembre e febbraio, oltre a qualsiasi altro diritto di cui abbiano goduto durante quel periodo.
  • I dipendenti che lasciano Roblox riceveranno un pacchetto di buonuscita in base al loro livello individuale e alla durata del servizio, insieme a sei mesi di copertura medica per tutti gli assicurati.
  • Per i dipendenti che scelgono di trasferirsi, chiediamo di iniziare a lavorare dai nostri uffici di San Mateo entro il 15 luglio 2024 e vi assisteremo con i costi di trasferimento.

Sebbene sappiamo che questa è la decisione giusta per Roblox, riconosciamo che potrebbe creare sfide per alcuni dei nostri dipendenti. Qualunque cosa decidano i nostri dipendenti remoti, sappi che apprezziamo profondamente il duro lavoro e l’impatto che ognuno di voi ha avuto su Roblox.

Davide