Världsnyheter

I residenti del villaggio islandese iniziano a tornare dopo l’eruzione del vulcano

I residenti di Grindavik sono stati evacuati l’11 novembre dopo una serie di terremoti, visti come possibili precursori di un’eruzione.

ANNUNCIO

I residenti evacuati dalla città di Grindavik in Islanda hanno iniziato a tornare giovedì.

Sono state consentite solo visite diurne poiché l’intensità del vulcano diminuiva, infrangendo le loro speranze di trascorrere il Natale a casa.

L’eruzione, iniziata lunedì sera, ha aperto una fessura nel terreno lunga circa quattro chilometri. Fontane luminose di lava arancione sono state proiettate nel cielo a soli tre chilometri da Grindavik.

Giovedì, l’eruzione era diminuita di intensità e i flussi di lava non potevano più essere visti sui feed video in diretta.

“La probabilità che una nuova eruzione si formi senza preavviso vicino a Grindavik è diminuita”, ha detto mercoledì l’Ufficio meteorologico islandese (IMO).

Ma il “livello di pericolo in questa zona è comunque considerato elevato”, perché “il magma può raggiungere rapidamente la superficie, lasciando poco tempo per dare l’allarme”.

Le autorità hanno consentito ai 4.000 abitanti di Grindavik di accedere al piccolo porto di pescatori tra le 7:00 e le 16:00.

Sono stati evacuati l’11 novembre dopo una serie di terremoti, visti come possibili precursori di un’eruzione.

I primi soccorritori erano presenti in città giovedì nel caso fosse necessaria un’evacuazione di emergenza.

Giovedì mattina le strade della città erano ancora in gran parte vuote, con le decorazioni natalizie le uniche luci provenienti da case abbandonate, secondo un corrispondente dell’AFP presente sulla scena.

Ma alcuni residenti si sono affrettati a tornare al lavoro, compreso il personale della compagnia di pesca Thorfish che si è precipitato a salvare le catture catturate poco prima dell’eruzione.

“Ora stanno cercando di impacchettarlo e prepararlo in modo che non venga danneggiato e poi ripulire l’intero posto per Natale”, ha detto all’AFP Jon Emil, direttore degli acquisti di Thorfish, prima dell’impianto di confezionamento.