Spel

I migliori videogiochi brevi

Riflessi

  • Alcuni giochi potrebbero essere troppo brevi, lasciando i giocatori con la sensazione di essere delusi e delusi dalla mancanza di contenuti e di gameplay.
  • La lunghezza non sempre indica la qualità complessiva di un gioco; Anche i giochi più brevi possono avere meccaniche di gioco divertenti ed esperienze piacevoli.
  • Alcuni giochi sono stati criticati per essere troppo brevi, privi di rigiocabilità o per non fornire contenuti sufficienti per coinvolgere pienamente i giocatori.


Per molto tempo, molti giocatori hanno discusso su quanto dovrebbero essere lunghi i videogiochi, soprattutto quando il prezzo di questi videogiochi è in costante aumento, a causa dei maggiori costi di produzione e dei cambiamenti del mercato. Tuttavia, la durata di un gioco non sempre ne indica la qualità complessiva.

CORRELATO: Le partite più lunghe della storia

Alcuni giochi sono molto, molto buoni, ma la loro durata è uno dei loro principali svantaggi, poiché possono essere troppo lunghi e offrire molti contenuti o, in alcuni casi, possono essere troppo brevi. I giocatori potrebbero sentirsi delusi o il gioco potrebbe sembrare incompiuto. Siamo qui per dimostrare che ciò è sbagliato.


8 The Expanse: una serie rivelatrice

Il batterista entra in The Expanse: una serie rivelatrice

Pubblicato in episodi, The Expanse è basato sulla serie televisiva con lo stesso nome ed è servito come prequel della storia dello show, in cui interpreti Camina Drummer. Il problema era che ogni episodio del gioco era molto più breve di quanto ci si aspettasse.

Il capitolo finale, ad esempio, durava meno di mezz’ora e, essendo un’esperienza episodica, i giocatori sono rimasti delusi e delusi nello scoprire che con ogni episodio aggiuntivo veniva aggiunto poco contenuto. Il gameplay standard punta e clicca era divertente, anche la possibilità di decidere il destino di vari personaggi era interessante, ma non ce n’era abbastanza nei cinque episodi.

7 Le cronache di Riddick (serie)

Illustrazione di Vin Diesel nei panni di Riddick nei giochi The Chronicles of Riddick.

I giochi Chronicles of Riddick, che fungono da prequel non canonici dei film, sono stati progettati per essere giochi d’azione cinematografici e stealth con elementi di gioco di ruolo. Il primo gioco è stato accolto molto bene, ma uno dei suoi punti deboli era che poteva essere completato in poche ore, anche se spiccavano lo stealth, la narrativa, gli elementi di gioco di ruolo leggero e il combattimento violento.

CORRELATO: I migliori videogiochi con licenza

Sotto molti aspetti, il seguito era migliore dell’originale ma, come il gioco originale, era considerato troppo breve. Il sequel è stato rilasciato insieme a una rimasterizzazione del gioco originale, facendolo sembrare più un DLC che un gioco autonomo, e ha offerto ai giocatori la possibilità di sperimentare più meccaniche di azione furtiva, narrativa e di combattimento, ma non ha offerto loro il tempo di farlo. .

6 Star Wars: Il potere della Forza 2

Starkiller sulla copertina di Il Potere della Forza 2

Star Wars: Il Potere della Forza 2 è, sotto molti aspetti, migliore dell’originale Star Wars: Il Potere della Forza, poiché ha perfezionato l’esperienza originale migliorando quel ciclo di gioco dinamico e divertente. Il combattimento con la spada laser era veloce ed energico, e usare la forza per abbattere i nemici e distorcere l’ambiente era incredibile.

Il problema è che è durato solo poche ore. Quando la storia e i personaggi iniziarono davvero, il gioco si interruppe bruscamente con un cliffhanger a cui non venne mai seguito, rendendolo non solo breve, ma anche molto deludente.

5 bordo dello specchio

Boxart di Mirror's Edge con Faith Connors davanti a un paesaggio urbano bianco

Progettato per replicare l’azione e il parkour di alcuni dei più grandi film di successo di Hollywood dell’epoca, Mirror’s Edge era un gioco di azione e avventura in prima persona, incentrato sull’attraversamento. In esso, giochi nei panni di Faith, navighi in un mondo fantascientifico futuristico e usi il Parkour nell’ambiente per spostarti dal punto A al punto B.

CORRELATO: Le corse veloci più veloci di tutti i tempi

Il gioco è stato elogiato per la sua grafica, in particolare per l’illuminazione, ma è stato criticato per la sua durata, inferiore a dieci ore. È stato davvero divertente saltare giù dagli edifici, scivolare sotto gli ostacoli e rimanere incantato dalla vista della città. Semplicemente non offriva molto.

4 Resident Evil 3: Remake

Resident Evil 3 - Nemesis si nasconde nell'oscurità, rivelando i suoi denti affilati e mostruosi
tramite Capcom

Dopo l’uscita e l’accoglienza della critica di Resident Evil 2: Remake, i fan della serie ne chiedevano ancora di più e, fortunatamente per loro, un remake sulla stessa linea era proprio dietro l’angolo, questa volta di Resident Evil 3: Nemesis. Questo remake ha mantenuto immagini di alta qualità, illuminazione e meccaniche di ripresa eccellenti ed è stato un buon gioco in ogni sua parte.

Tuttavia, nel remake mancavano alcune scene, momenti e sequenze, quindi coloro che si aspettavano un’esperienza di 10-20 ore hanno avuto un’esperienza di cinque ore e molti sono rimasti delusi. Il risultato è stato che questo remake sembrava un po’ affrettato e mancava della finezza del primo.

3 Il protocollo Callisto

Uno screenshot di Jacob Lee nella sua tuta spaziale fuori dalla Prigione di Ferroscuro.

Il protocollo Callisto

Rilasciato
2 dicembre 2022

Sviluppatori
Splendidi studi a distanza

Redattore(i)
Krafton

In molti modi, Il Protocollo Callisto è stato un successore spirituale di Dead Space. Si trattava di esplorare un ambiente spettrale, combattere avversari mostruosi e cercare di sopravvivere. Presentava immagini meravigliose e nemici terrificanti e, sebbene la narrazione fosse carente, la sua atmosfera era fantastica.

CORRELATO: I momenti più spaventosi nei videogiochi horror

Tuttavia, il gioco è durato meno di dieci ore. Successivamente è stato rilasciato un DLC, che ha ampliato la narrazione e fornito ulteriore storia e chiusura, ma dover pagare di più per un gioco più lungo non era qualcosa che piaceva a tutti i giocatori.

2 L’Ordine 1886

Il cast dell'Ordine del 1886 si trova di fronte a una versione steampunk di Londra che sembra stoica

The Order 1886 è stato progettato per essere una potenza grafica che mettesse in mostra le capacità della PlayStation 4. Per lo più ha funzionato su questo; offrendo ai giocatori un’esperienza sparatutto in terza persona coinvolgente e suggestiva, con elementi horror efficaci, ed è stato un bel gioco finché è durato.

Tuttavia, dopo alcune ore, è terminato e il gioco ha offerto poca rigiocabilità oltre al desiderio di rivivere la storia. È stato anche un peccato, perché era divertente, con riprese decenti e una trama intrigante che non ha mai avuto seguito.

1 Guacamelee!

Personaggio Guacamelee in piedi di fronte all'edificio

Guacamelee

Rilasciato
9 aprile 2013

Sviluppatori
Studi su DrinkBox

Redattore(i)
Studi su DrinkBox

Guacamelee! Era un gioco Metroidvania con un’enfasi sull’azione e sul platform in cui assumi il ruolo di un combattente di nome Juan, attraversando il mondo dei vivi e quello dei morti. È stato veloce, colorato, divertente e molto divertente.

Il gioco offriva molta esplorazione, enigmi e oggetti da collezione, ma con una durata inferiore a dieci ore, il tempo in quel mondo era breve. Successivamente è stata rilasciata una versione più lunga del gioco con DLC incluso, dando finalmente ai giocatori di Guacamelee più della grandezza che chiedevano a gran voce.

SUCCESSIVO: I videogiochi Tripla A più brevi