Världsnyheter

Gli Houthi attaccano il Mar Rosso. Loro chi sono? – Nazionale

Allineamento con l’Iran Houthi Gli yemeniti stanno giocando un ruolo crescente nel conflitto in Medio Oriente, attaccando navi nel Mar Rosso e lanciando droni e missili contro Israele in una campagna che, secondo loro, mira a sostenere i palestinesi nella guerra di Gaza.

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha annunciato martedì la creazione di un operazione multinazionale per salvaguardare il commercio nel mar Rosso in risposta agli attacchi Houthi.

Il ruolo degli Houthi si è aggiunto ai rischi regionali del conflitto, minacciando le rotte marittime attraverso le quali viene spedito gran parte del petrolio mondiale e preoccupando gli stati del Mar Rosso mentre i razzi e i droni Houthi si dirigono verso Israele.

Chi sono gli Houthi?

Alla fine degli anni ’90, la famiglia Houthi dell’estremo nord dello Yemen lanciò un movimento di rinascita religiosa per la setta Zaydi dell’Islam sciita, che un tempo governava lo Yemen ma il cui centro-nord era diventato impoverito ed emarginato.

La storia continua sotto la pubblicità


Clicca per vedere il video: “Israele-Hamas: una “forza speciale” internazionale per contrastare la sicurezza del Mar Rosso”


Israele-Hamas: una “task force” internazionale per affrontare la sicurezza nel Mar Rosso


Man mano che crescevano gli attriti con il governo, iniziarono una serie di guerriglie con l’esercito nazionale e un breve conflitto di confine con la potenza sunnita dell’Arabia Saudita.

Il loro potere è cresciuto durante la guerra in Yemen iniziata alla fine del 2014, quando presero Sanaa. Preoccupata per la crescente influenza dell’Iran sciita lungo il suo confine, l’Arabia Saudita è intervenuta nel 2015 a capo di una coalizione sostenuta dall’Occidente a sostegno del governo yemenita.

La storia continua sotto la pubblicità

Gli Houthi stabilirono il controllo su gran parte del nord e su altri importanti centri abitati, mentre il governo riconosciuto a livello internazionale si stabilì ad Aden.

Ricevi le ultime notizie nazionali.

Inviato al tuo indirizzo email, ogni giorno.

Lo Yemen ha goduto di più di un anno di relativa calma nel contesto di una campagna di pace guidata dalle Nazioni Unite. L’Arabia Saudita ha avviato i colloqui con gli Houthi nel tentativo di uscire dalla guerra.

Gli Houthi si sono tuffati nell’ultimo conflitto mentre si diffondeva in Medio Oriente, annunciando il 31 ottobre di aver lanciato droni e missili su Israele e giurando che avrebbero continuato a organizzare attacchi “fino a quando l’aggressione israeliana non fosse cessata”.

Le loro azioni riecheggiano il ruolo del gruppo libanese Hezbollah, sostenuto dall’Iran, che attacca le posizioni israeliane al confine libanese, e delle milizie irachene che sparano sugli interessi statunitensi in Iraq e Siria.

Intensificando le loro minacce, il 9 dicembre gli Houthi hanno dichiarato che avrebbero preso di mira tutte le navi dirette in Israele, indipendentemente dalla loro nazionalità, e hanno avvertito tutte le compagnie di navigazione internazionali di non trattare con i porti israeliani.

La storia continua sotto la pubblicità


Clicca per riprodurre il video: “Gli Stati Uniti costruiscono una coalizione internazionale per affrontare gli attacchi Houthi nel Mar Rosso: Austin”


Gli Stati Uniti costruiscono una coalizione internazionale per contrastare gli attacchi Houthi nel Mar Rosso (Austin)


“Se Gaza non riceve il cibo e le medicine di cui ha bisogno, tutte le navi che navigano attraverso il Mar Rosso verso i porti israeliani, indipendentemente dalla loro nazionalità, diventeranno un bersaglio per le nostre forze armate”, ha detto il portavoce degli Houthi in una conferenza stampa. uscita del 9 dicembre.

Lo slogan degli Houthi è “Morte all’America, morte a Israele, maledizione degli ebrei e vittoria dell’Islam”.

Gli Stati Uniti ritengono che il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane aiuti a pianificare e realizzare attacchi missilistici e droni Houthi.

La storia continua sotto la pubblicità

“Il sostegno dell’Iran agli attacchi Houthi contro le navi commerciali deve finire”, ha dichiarato il 18 dicembre il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin.


Clicca per riprodurre il video: “Il colosso petrolifero BP si unisce alla crescente lista di aziende che sospendono le spedizioni verso il Mar Rosso”


Il colosso petrolifero BP si aggiunge alla lista sempre più numerosa di aziende che sospendono le spedizioni verso il Mar Rosso


L’Iran nega qualsiasi coinvolgimento.

La coalizione guidata dall’Arabia Saudita accusa da tempo l’Iran di armare, addestrare e finanziare gli Houthi. Gli Houthi negano di essere un rappresentante iraniano e affermano che stanno sviluppando le proprie armi.

Gli Houthi hanno dimostrato le loro capacità missilistiche e di droni durante la guerra dello Yemen negli attacchi contro l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, prendendo di mira installazioni petrolifere e infrastrutture vitali.

La storia continua sotto la pubblicità

L’arsenale comprende missili balistici e droni armati in grado di colpire Israele a più di 1.600 miglia dalla sua sede del potere a Sanaa.

I suoi missili Tofan, Borkan e Quds sono modellati sulle armi iraniane e possono colpire obiettivi fino a 2.000 km di distanza, dicono gli esperti.

Gli Houthi hanno lanciato questi missili contro l’Arabia Saudita decine di volte durante la guerra nello Yemen. A settembre, gli Houthi hanno schierato per la prima volta missili antiaerei Barq-2, missili navali, un aereo da caccia Mig-29 ed elicotteri.

Gli Houthi hanno utilizzato anche imbarcazioni veloci armate di mitragliatrici nelle loro operazioni contro le navi.