SPORT

Gary Neville definisce il Manchester United “una vergogna fino alla fine” per i tempi di acquisizione “davvero orribili”.

Gary Neville ha criticato il momento “davvero spaventoso” con cui il Manchester United ha confermato che Sir Jim Ratcliffe ha accettato di acquistare una quota del 25% nel club dopo che l’accordo è stato annunciato alle 16:00 della vigilia di Natale.

Dopo mesi di trattative, lo United ha finalmente confermato di aver raggiunto un accordo con Ratcliffe e il Gruppo Ineos, che assumeranno la responsabilità delegata per le operazioni calcistiche del club.

Ratcliffe acquisirà il 25% delle azioni di Classe B detenute dalla famiglia Glazer e fino al 25% delle azioni di Classe A, investendo al contempo 300 milioni di dollari (236,7 milioni di sterline) nella sua infrastruttura.

La vendita della quota a Ratcliffe pone fine a un processo di acquisizione durato 13 mesi e Neville, un critico schietto della famiglia Glazer, ha affermato che il suo ex club è stato “imbarazzo fino alla fine” nel 2023 in una forma pessima in campo. .

“Il momento giusto per tutto questo è davvero terribile e nessuna organizzazione funzionante lo prenderebbe nemmeno in considerazione”, ha scritto Neville su Twitter/X.

“Comunque, auguro il meglio a Jim (Ratcliffe) e spero che possa in qualche modo trovare un modo per riportare il club a posto e tornare a qualcosa di rispettabile dentro e fuori dal campo.”

Lo United ha anche esplorato una vendita definitiva nelle prime fasi del processo di acquisizione, con il banchiere del Qatar Sheikh Jassim che ha fatto cinque offerte e Ineos prima ha cercato un’acquisizione definitiva e poi ha cambiato la sua offerta con un investimento di minoranza.

L’accordo valuta lo United a oltre 5 miliardi di sterline, con le azioni al prezzo di 33 dollari, molto più alte del loro valore di mercato azionario, mentre si prevede che la proprietà del calcio di Ineos porterà posti nel consiglio di amministrazione. Si prevede inoltre che il nuovo regime nomini un nuovo amministratore delegato, con la partenza di Richard Arnold.

Ratcliffe ha dichiarato: “Come ragazzo locale e sostenitore da sempre del club, sono lieto che siamo riusciti a raggiungere un accordo con il consiglio del Manchester United che ci delega la responsabilità della gestione delle operazioni calcistiche del club.

“Sebbene il successo commerciale del club abbia assicurato che ci fossero sempre fondi disponibili per vincere trofei ai massimi livelli, questo potenziale non è stato completamente sfruttato negli ultimi tempi.

“Porteremo la conoscenza globale, l’esperienza e il talento del gruppo Ineos Sport per contribuire a promuovere miglioramenti nel club, fornendo allo stesso tempo finanziamenti per consentire futuri investimenti all’Old Trafford.

“Siamo qui a lungo termine e riconosciamo che abbiamo molte sfide e molto lavoro davanti a noi, che affronteremo con rigore, professionalità e passione. Ci impegniamo a lavorare con tutti nel club – dirigenti, staff, giocatori e tifosi – per aiutare a far avanzare il club.

“La nostra ambizione condivisa è chiara: vogliamo tutti vedere il Manchester United tornare al posto a cui apparteniamo, ai vertici del calcio inglese, europeo e mondiale”.