Världsnyheter

Crollano le azioni cinesi, salgono i mercati giapponese e sudcoreano

Tienanmen, Porta della Pace Celeste, Pechino

Bjdlzx | E+ | Immagini Getty

I mercati in Giappone e Corea del Sud hanno iniziato l’ultima settimana di negoziazione del 2023 con una nota positiva, con l’indice Nikkei 225 pronto a diventare il migliore della regione quest’anno, ma le azioni cinesi hanno continuato a scendere.

I mercati in Australia, Nuova Zelanda e Hong Kong sono rimasti chiusi per le festività di Santo Stefano.

dal Giappone Nikkei225 è salito dello 0,16% chiudendo a 33.305,85. Quest’anno ha guadagnato più del 27%.

Il più ampio indice Topix è salito leggermente chiudendo a 2.338,86.

L’indice cinese CSI 300 ha chiuso in ribasso dello 0,68% a 3.324,79, trascinato al ribasso dai cali dei titoli tecnologici e immobiliari. L’indice ha perso più del 14% quest’anno.

Corea del Sud Kospi è salito dello 0,12% a 2.602,59, mentre il Kosdaq a bassa capitalizzazione è sceso dello 0,73% chiudendo a 848,34.

Dall’inizio dell’anno il Topix ha guadagnato il 23,5%, mentre il Kospi il 16,2%. quello di Hong Kong Indice Hang Seng ha registrato la performance peggiore del 2023, in calo di circa il 17,4%.

Venerdì le principali medie di Wall Street hanno registrato un’ottava settimana consecutiva di guadagni, cercando di estendere il rally di fine anno.

IL S&P500 L’indice ha guadagnato lo 0,17% a 4.754,63 nella sessione di negoziazione precedente, appena lo 0,9% dal suo record di chiusura e l’1,3% dal suo record intraday.

IL Nasdaq composito è aumentato dello 0,19%, mentre il Media industriale del Dow Jones è sceso di 18,38 punti, ovvero dello 0,05%.

— Sarah Min e Jesse Pound della CNBC hanno contribuito a questo rapporto