Världsnyheter

Continua la guerra tra Russia e Ucraina: Kiev contesta la pretesa di Mosca di controllare Maryinka nell’est del Paese | Ucraina

Il capo militare ucraino contesta la pretesa russa di controllare Maryinka nell’est

Il comandante delle forze armate ucraine ha detto martedì che le sue truppe sono rimaste in una zona nella parte orientale della città di Maryinka nonostante le affermazioni del ministro della Difesa russo secondo cui Mosca controllava la colonia, ridotta in macerie dopo mesi di combattimenti.

Lo riferisce Reuters Valery Zalouzhnyi ha ammesso ai giornalisti che la città era in rovina, ma ha detto che le truppe ucraine erano ancora posizionate sul suo fianco settentrionale.

Deepstate, un popolare blog di guerra ucraino, ha riferito martedì sera che le truppe russe avevano preso il controllo di tutte le aree della città precedentemente fuori dal loro controllo.

Reuters non ha potuto confermare le notizie di attività militare da entrambe le parti.

La cattura di Maryinka rappresenterebbe il più grande guadagno sul campo di battaglia di Mosca da maggio.

I soldati ucraini sparano con i cannoni vicino a Maryinka a maggio durante i combattimenti con le truppe russe
I soldati ucraini sparano con i cannoni vicino a Maryinka a maggio durante i combattimenti con le truppe russe. Fotografia: Libkos/AP

Zaluzhnyi ha detto ai giornalisti che le forze russe si stavano muovendo da due anni verso Maryinka, a breve distanza dal centro regionale di Donetsk, controllato dai russi. Egli ha detto:

Attualmente le nostre truppe sono ancora nelle regioni settentrionali. Le nostre truppe avevano preparato una linea difensiva fuori da questa località, ma posso dire che questa località non esiste più.

Sergei Shoiguil ministro della Difesa russo, ha detto in un video televisivo con il presidente russo: Vladimir PoutineLunedi:

Le nostre unità d’assalto… oggi hanno completamente liberato l’insediamento di Maryinka.

Putin ha affermato che la cattura della città consentirebbe alle truppe russe di operare in un’area più ampia.

Zaluzhnyi ha detto che le forze ucraine sono determinate a difendere qualsiasi parte del paese, sia a Maryinka, Bakhmut o Avdiikva, altre due città nell’est del paese soggette a mesi di combattimenti.

Bakhmut è stata catturata dalle truppe russe a maggio e le forze ucraine hanno tentato di mettere in sicurezza i villaggi vicini con una controffensiva lanciata subito dopo. Avdiivka, adiacente a Maryinka, resta in mano ucraina, ma da due mesi subisce violenti attacchi.

Eventi chiave

Gli ultimi obici russi saranno presto schierati contro le forze ucraine come parte della sua “operazione militare speciale”. Sergej Chemezovha detto all’agenzia di stampa RIA il capo del conglomerato statale della difesa Rostec.

Mercoledì, Chemezov ha dichiarato all’agenzia di stampa ufficiale russa che i test delle nuove unità di artiglieria semoventi, soprannominate “Coalizione-SV”, sono stati completati e la produzione di massa è già iniziata, con il primo lotto pilota che sarà consegnato entro la fine. di quest’anno.

La Reuters riporta che Chemezov ha detto:

Penso che appariranno presto lì (sul campo di battaglia in Ucraina), perché gli obici di questa classe sono necessari per fornire un vantaggio rispetto ai modelli di artiglieria occidentale in termini di raggio di tiro.

L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito all’inizio di questo mese che singoli obici della “Coalizione-SV” erano già stati schierati in prima linea in Ucraina.

Maria Zacharovaportavoce del Ministero degli Esteri russo, ha avvertito della decisione del Giappone di consegnare i sistemi di difesa aerea Patriot Ucrainaavrebbe “gravi conseguenze” per le relazioni russo-giapponesi.

Reuters riferisce che Zakharova ha fatto questi commenti mercoledì. Il Giappone, che si era già unito ai suoi alleati occidentali nell’imporre sanzioni economiche contro Russia, all’inizio di questo mese ha ampliato la sua lista nera delle esportazioni. Comprende anche il divieto dei diamanti russi destinati ad uso non industriale.

La Russia ha perso 355.750 soldati in Ucraina dall’inizio della sua invasione su larga scala, secondo i dati diffusi mercoledì dallo Stato maggiore delle forze armate ucraine e citati da l’Indipendente di Kiev. Ciò include 790 vittime subite dalle forze russe nell’ultimo giorno.

Il rapporto descrive anche le perdite di veicoli militari russi. Essi sono:

  • 5.913 carri armati

  • 10.973 veicoli corazzati da combattimento

  • 11.1140 veicoli e serbatoi di carburante

  • 8.376 sistemi di artiglieria

  • 934 sistemi missilistici a lancio multiplo

  • 616 sistemi di difesa aerea

  • 329 aerei

  • 324 elicotteri

  • 6.471 droni

  • 23 navi e barche

  • Un sottomarino

Il Guardian non è stato in grado di verificare le cifre.

Una persona è stata uccisa dopo che le forze russe hanno inviato dozzine di droni d’attacco. Ucraina durante il loro ultimo attacco aereo notturno, hanno annunciato mercoledì le autorità ucraine.

Un uomo di 35 anni è stato ucciso dai detriti di un drone abbattuto in una zona residenziale, ha annunciato il governatore dell’Ucraina. Odessa ha detto la Regione. Il ministero dell’Interno ha affermato che altre quattro persone, tra cui un bambino di sei anni, sono rimaste ferite.

Secondo Reuters, l’aeronautica ucraina ha riferito che 32 dei 46 droni di fabbricazione iraniana sono stati lanciati da Russia era stato colpito. Questi aerei sono stati abbattuti in alcune parti dell’Ucraina centrale, meridionale e occidentale, aggiunge la nota. La maggior parte degli altri colpirono vicino alla linea del fronte, principalmente nella regione meridionale di Kherson.

Il Ministero degli Interni ucraino ha riferito anche di un’altra morte nel bombardamento notturno della città Cherson.

Il capo militare ucraino contesta la pretesa russa di controllare Maryinka nell’est

Il comandante delle forze armate ucraine ha detto martedì che le sue truppe sono rimaste in una zona nella parte orientale della città di Maryinka nonostante le affermazioni del ministro della Difesa russo secondo cui Mosca controllava la colonia, ridotta in macerie dopo mesi di combattimenti.

Lo riferisce Reuters Valery Zalouzhnyi ha ammesso ai giornalisti che la città era in rovina, ma ha detto che le truppe ucraine erano ancora posizionate sul suo fianco settentrionale.

Deepstate, un popolare blog di guerra ucraino, ha riferito martedì sera che le truppe russe avevano preso il controllo di tutte le aree della città precedentemente fuori dal loro controllo.

Reuters non ha potuto confermare le notizie di attività militare da entrambe le parti.

La cattura di Maryinka rappresenterebbe il più grande guadagno sul campo di battaglia di Mosca da maggio.

I soldati ucraini sparano con i cannoni vicino a Maryinka a maggio durante i combattimenti con le truppe russe
I soldati ucraini sparano con i cannoni vicino a Maryinka a maggio, durante i combattimenti con le truppe russe. Fotografia: Libkos/AP

Zaluzhnyi ha detto ai giornalisti che le forze russe si stavano muovendo da due anni verso Maryinka, a breve distanza dal centro regionale di Donetsk, controllato dai russi. Egli ha detto:

Attualmente le nostre truppe sono ancora nelle regioni settentrionali. Le nostre truppe avevano preparato una linea difensiva fuori da questa località, ma posso dire che questa località non esiste più.

Sergei Shoiguil ministro della Difesa russo, ha detto in un video televisivo con il presidente russo: Vladimir PoutineLunedi:

Le nostre unità d’assalto… oggi hanno completamente liberato l’insediamento di Maryinka.

Putin ha affermato che la cattura della città consentirebbe alle truppe russe di operare in un’area più ampia.

Zaluzhnyi ha detto che le forze ucraine sono impegnate a difendere qualsiasi parte del paese, sia a Maryinka, Bakhmut o Avdiikva, altre due città orientali soggette a mesi di combattimenti.

Bakhmut è stata catturata dalle truppe russe a maggio e le forze ucraine hanno tentato di mettere in sicurezza i villaggi vicini con una controffensiva lanciata subito dopo. Avdiivka, adiacente a Maryinka, resta in mano ucraina, ma da due mesi subisce violenti attacchi.

Riepilogo di apertura

Riprendiamo la nostra copertura continua della guerra. Ecco una panoramica degli ultimi sviluppi:

Il comandante delle forze armate ucraine ha detto che le sue truppe sono rimaste in un’area nella città orientale di Maryinka nonostante le affermazioni della Russia secondo cui Mosca controlla l’insediamento.

Valerii Zaluzhnyi ha riconosciuto martedì che la città era in rovina dopo lunghi combattimenti, ma ha detto che le truppe ucraine erano ancora posizionate sul suo fianco settentrionale.

La cattura di Maryinka rappresenterebbe il più grande guadagno sul campo di battaglia di Mosca da maggio.

Maggiori informazioni su questa storia a breve. In altre notizie:

  • Forze russe bombardò la stazione ferroviaria di Kherson mentre un treno stava per evacuare i residenti, uccidendo un agente di polizia e ferendo quattro persone, ha detto il ministro degli Interni ucraino Ihor Klymenko.

  • La commissione per gli affari esteri del parlamento turco ha approvato Adesione della Svezia alla NATO ma deve ancora essere sottoposto a votazione piena da parte del Parlamento.

  • Lo ha dichiarato l’aeronautica militare ucraina colpì la nave della marina russa Novocherkassk in un attacco aereo su Feodosia in Crimea, controllata dalla Russia. L’Ucraina ha affermato che la nave è stata distrutta mentre la Russia ha affermato che è stata danneggiata. Immagini e fotografie mostravano potenti esplosioni, incendi sopra un’area portuale e relitti in fiamme.

  • Il capo dell’esercito ucraino, generale Valerii Zaluzhnyi, ha espresso insoddisfazione per il lavoro degli uffici di reclutamento militare responsabile della mobilitazione delle truppe. I suoi commenti arrivano il giorno dopo che il parlamento ucraino ha pubblicato il testo di un disegno di legge volto in particolare ad abbassare l’età degli uomini mobilitabili da 27 a 25 anni.

  • Rustem Umerov, ministro della Difesa ucraino, ha detto di voler “esprimere la sua profonda gratitudine” al governo britannico. “per aver fornito addestramento di base ai piloti aerei da combattimento ucraini”.

  • Lo ha riferito il Ministero dell’Economia di Taiwan ampliato l’elenco dei prodotti sanzionati per Russia e Bielorussia. L’elenco comprende attrezzature per la produzione di semiconduttori, di cui Taiwan è leader mondiale, nonché alcuni prodotti chimici e farmaci.

  • La giapponese Mitsui & Co ha deciso di ritirare i suoi dipendenti dal progetto russo sul gas naturale liquefatto (GNL) Arctic LNG 2. Questa decisione rappresenta un nuovo colpo per il progetto. Temendo le conseguenze delle sanzioni americane rivolte al progetto, gli azionisti stranieri hanno sospeso la loro partecipazione.

  • Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov incontrerà a Mosca il suo omologo indiano Subrahmanyam Jaishankar Mercoledì, ha detto il ministero degli Esteri russo. I ministri intendono discutere delle relazioni bilaterali nonché dei conflitti in Ucraina e Gaza.